lunedì 16 giugno 2014

Ciambella di Iginio Massari


Non importa che il termometro segni temperature africane.
Né che soffi un vento caldissimo che blocca il respiro a metà e ti sconvolge i pensieri e le idee.

Non ho voglia di semifreddi e di creme ghiacciate. Di gelati o di sorbetti. Di cremosi o di tartes di frutta. Che pur in altri momenti avrei costruito febbrilmente e appassionatamente.

No, due mattine fa era questo il dolce che premeva dentro le mani e la testa. 
Un dolce semplice, in apparenza.  E certo lo è. 
Ma...se gli ingredienti non sono quelli buoni-buoni che ho allineato sul bancone della cucina....quel profumo di forno saporito e goloso non si sarebbe di sicuro sparso nell'aria.

Un dolce da rifare. E non importa la stagione. Non importa che sia caldo oppure fresco..
Che tanto per i dolci buoni il tempo è assolutamente ininfluente.....

Ciambella(estratta da una ricetta di Iginio Massari)






165 g di burro
100 g di zucchero al velo
50 g di miele d'acacia
100 g di uova intere
3 g di sale
325 g di farina debole
5 g di lievito chimico
100 g di uva passa ( * 100 g di prugne secche denocciolate)
100 g di scorza d'arancia candita
scorza di limone

Per decorare:

Un uovo intero
succo di limone
zucchero in granella



Setacciare la farina con il lievito.
Aggiungere il sale alle uova leggermente sbattute . Profumare con la scorza del limone.
Versare in planetaria il burro leggermente morbido , i due tipi di zucchero e impastare usando lo scudo.
Quando l'impasto si presenta omogeneo, unire le uova e mescolare sempre con lo scudo.
Unire la scorza d'arancia candita e le prugne tagliate a cubetti. Se, invece, si volesse aggiungere l'uva passa come da ricetta originale ricordarsi di mettere l'uvetta in ammollo, asciugarla molto bene. 
Io ho omesso l'uvetta solo perché non l'avevo in dispensa.
Versare nell'impasto la farina e amalgamare il tempo necessario a consentirne l'unione.
Su un ripiano leggermente infarinato far rotolare la frolla creando una sorta di salame. 
Imburrare e infarina una fascia di 22-24 cm di diametro.
Sistemare all'interno il salame di frolla e al centro un coppapasta di circa 10-12 cm in modo che la ciambella mantenga il foro centrale.  



Sbattere leggermente un uovo. Unire il succo di mezzo limone e spennellare tutta la superficie della ciambella. Decorare con mezze ciliegie candite e zucchero in granella. Infornare alla T di 180°C per circa 25'. oppure fino a completa doratura.

Stampa la ricetta

13 commenti:

Ciccioli - Andrea ha detto...

Scsua Pinella, una domanda: per "unire i 2 zuccheri" intendi lo zucchero a velo ed il miele?
Grazie e come sempre Perfetta!

Arianna Frasca ha detto...

Qui è tornato il freddo! Ben venga una ciambella gustosa!

La cucina di Esme ha detto...

Una bontà paradisiaca!

Eleonora Dallan ha detto...

la bontà di un dolce senza tempo. E senza stagione.

La sua consistenza asciutta mi ricorda la ciambella da colazione di Adriano, che avevo visto da te e che ho replicato innumerevoli volte. Piace sempre!

e credo che sia la stessa cosa per questa ciambella fragrante e ricca di frutta.

Grazie Pinella, mi piace vedere che la "fata della pasticceria" ogni tanto accantona le sublimi preparazioni di mousse e cremosi, per tuffare nella sua tazza una fetta consistente e "rustica".
:-)

Pinella Orgiana ha detto...

Si, Andrea: zucchero al velo e miele

Pinella Orgiana ha detto...

Eleonora.....
per la frolla potrei (forse) lasciare qualsiasi dolce....

Carolina Romano ha detto...

Bisogna approfittare del ritrovato fresco per gustarsi queste specialità. Bellissimo e sicuramente ottimo

Vaty ♪ ha detto...

Cara pinella, sto cercando una ricetta del ciambellone. Ho provato quella di Adelaide melles: e' piaciuta tanto al marito invece io mi aspettavo di più.. Saranno che gli ingredienti erano quell standard (farina, zucchero, lievito etc).
Qui ho visto che la farina e' quella deboli , diversi zuccheri, miele etc.. Mi sa che razie a te la proverò. Posso chiederti che farina? Grazie cara.
Ps sei sempre una ispirazione x tutte. Lo sai vero?

Pinella Orgiana ha detto...

Semplicemente una farina da market...
Grazie a te per tutto!

Akina ha detto...

Anche a un dolce apparentemente semplice come questo tu hai dato un'altra veste. Sei veramente unica Pinella.
Mio marito già mi ha minacciato dicendomi di non provare a fare questa ciambella con tutta quella frutta candita che a lui non piace. però sono riuscita a farlo stare incollato davanti al televisore a guardare la puntata talmente eravamo rapiti dalle spiegazioni tecniche del maestro Massari e dal suo modo a volte ironico di parlare.

Visto che per fare la torta per il compleanno di mio marito ho spulciato il tuo blog e ho provato diverse tue preparazioni il minimo che potevo fare era citarti e ringraziarti di cuore Pinella.

Solema ha detto...

Ora so dove andranno a finire i miei canditi. Grazie cara, posso postarla naturalmente linkandoti!!!

Akina ha detto...

Mio marito mi ha minacciato dicendomi di non provare assolutamente a rifarla con tutta quella frutta candita che a lui non piace! però sono riuscita a tenerlo davanti alla tv per tutta la puntata talmente rapiti dalle spiegazioni del maestro Massari e dal suo modo di parlare ironico. E' proprio vero che la frolla ci sta sempre bene. ma ora sono troppo attratta dal provare semifreddi, gelati, mousses.

A tal proposito volevo dirti Pinella che per fare la torta di compleanno per mio marito ho preso ispirazione e attinto alla grande dal tuo blog e il minimo che potessi fare era citarti e ringraziarti di cuore.

Sara

~ Inco ha detto...

Semplicemente buono!!
Ti auguro una buona domenica.
Inco