domenica 10 novembre 2013

E che cioccolato sia.....

Solo il cioccolato....

Si.
Quando la stanchezza ti insegue e ti accorgi che puoi correre quanto vuoi che tanto è inutile e lei ti afferra le caviglie e le blocca come colonne di sale.

Quando sollevi il viso e lo esponi al giorno e le sottili righe di kajal nero servono a nulla che tanto i segni sotto gli occhi si rivelano pienamente ai raggi del sole.

Quando entri in macchina e il tepore del cielo ti accarezza le spalle come faceva tua madre, la sera, che non puoi che chiudere gli occhi e pensare che...si...va bene, va bene anche cosi....

Quando questo succede e anche di più ed i pensieri si arrotolano gli uni dentro gli altri, ecco che staccare un pezzetto di cioccolato Gianduja noir ti fa respirare piano. 

Anche sorridere, perché no? 

Solo il cioccolato, solo il cioccolato...


Glassa al cioccolato al latte
( interpretata da una ricetta di Hervé Girardon)


Per la glassa

150 g di acqua
300 g di zucchero semolato
300 g di sciroppo di glucosio
200 g di latte condensato
20 g di gelatina granulate oppure in fogli da 2 g l'uno
100 g di acqua
300 g di cioccolato al latte oppure Gianduja noir Valrhona

Idratare la gelatina nei 100 g d'acqua e poi scaldare il tutto delicatamente al micro-onde. Versare i 150 g d'acqua in una piccola casseruola, unire lo zucchero e lo sciroppo di glucosio e portare alla T di 105°C. Aggiungere il latte condensato, la gelatina e mescolare bene. Far fondere il cioccolato. Unire il liquido caldo al cioccolato in 3 volte per ottenere una buona emulsione. Mixare al minipimer evitando la formazione di bolle d'aria. Coprire con pellicola a contatto e far riposare in frigo per tutta la notte.  L'indomani, scaldare la glassa fino alla T di 32-33°C e versarla sul dolce.

24 commenti:

  1. Raccolgo le tue parole a cui vorrei dare un p' di consolazione e ti ringrazio perché nonostante il tuo cuore sembri un po' pesante, riesci a mettere nel mani nel cioccolato (santo cioccolato!) e a creare queste meraviglie, per deliziarci ancora...grazie Pinella

    RispondiElimina
  2. ...e sorridendo, possiamo nuotare in quel lago di cioccolato....

    che splendida glassa...dall'aspetto così liquido e lucente.
    quasi quasi...potrei provarla sulla seconda sacher calabrese che attende in congelatore...
    ciao!buona domenica

    RispondiElimina
  3. Pinella, già la glassa è da sogno, l'interno della torta poi rende il tutto irresistibile. Che base e che farcia hai usato?? Sembrano divine. Buona domenica artista ;-)

    RispondiElimina
  4. Geometria, eleganza, finezza.

    Leggo questo nei tuoi dolci, Pinella.

    E naufragar m'è dolce in questo mare....

    Grazie!!!

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia! Avrei voglia di gustare un pezzo anche a quest'ora...

    RispondiElimina
  6. Una glasa meravigliosa da mastro pasticcere!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  7. Ciao,

    Che bella torta e grandi immagini. E infatti, lo smalto è come uno specchio!

    Cari saluti,
    Ymme

    RispondiElimina
  8. Come non essere d'accordo con te! Splendida questa glassa, davvero fantastica

    RispondiElimina
  9. Meravigliosa,che ne pensi se la uso per una sacher? Ho promesso a mio figlio di preparargliela e questa glassa secondo me sarebbe perfetta! Sei bravissima ;)))

    RispondiElimina
  10. Ah, per gli strati ho ricalcato la Gianduja di Santin. Quindi un cremoso di gianduja al latte, un disco di praliné, un velo di citron confit al posto delle arance, un biscuit al cioccolato e il tutto avvolto da una mousse leggera al gianduja noir....

    RispondiElimina
  11. come già ho detto su fb.... meravigliosa.... perfetta !! e tutti quegli strati così golosi.... non mi ci far pensare che sono sprovvista di cioccolato in questo periodo.... :(

    RispondiElimina
  12. Meraviglia...una gioia per gli occhi e il palato!

    RispondiElimina
  13. Ese glaseado es maravilloso tiene un brillo espectacular.
    Besos
    Granca

    RispondiElimina
  14. E' FATTA!!! ....naturalmente devo glassare su dolce congelato n'est pas..?
    BACI, eli

    RispondiElimina
  15. Spesso passo da te per leggere le tue ricette ma non ho mai lasciato un commento. Ti ringrazio per tutte le meraviglie che ci presenti. Ciao da Innassia

    RispondiElimina
  16. Fantastico, semplicemente fantastico. Salivazione a mille e sono anche a dieta!! Mannaggia.
    volevo avvisarti che il mio blog ha cambiato "casa" ora mi trovi qui
    http://blog.cookaround.com/ipasticciditerry/
    Mi spiacerebbe percerci di vista. A presto

    RispondiElimina
  17. Pinella scusa, ma la ricetta della gianduia di Santin è presente qui sul blog?

    RispondiElimina
  18. Pinella, scusa, ma la ricetta della gianduia di Sanin è qui sul blog?

    RispondiElimina
  19. per una golosa come me, questo blog è il paradiso!
    bravissima!
    ti seguo, non posso perdere le tue ricette fantastiche!
    se ti va, passa a trovarmi!
    http://ildiariodellamiacucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
  20. Non ho mai scritto la ricetta per intero ...ho lasciato che il Maestro Santin la spiegasse ai suoi corsi...Ho utilizzato la ricetta per fare il bicchierino al suo matrimonio. Ti metto il link:

    http://madeinsantin.it/2013/07/25/san-tin-ricetta-del-matrimonio-di-maurizio-ideata-da-pinella-orgiana/

    RispondiElimina
  21. Ti ho appena inserita tra i blog che seguo. Tra un dolcetto e l’altro vieni a trovarmi a iltaccuinodellevoci.blogspot.com. Il caffè è sempre pronto. Ciao

    RispondiElimina
  22. Grazie Pinella.
    L'uso del latte condensato a cosa serve? Ed è possibile sostituirlo con qualcos'altro ( perché ho idea che sia difficile trovarlo)?

    Ciao

    RispondiElimina
  23. da leccarsi i baffi!! e la ricetta completa della foto?

    RispondiElimina