sabato 13 agosto 2011

Quando il mare sembra un fiume

E cosi ci si è arrivati. A conservare nel cassetto del mobile con gli elefanti intagliati e le portine rivestite di broccato rosso Cina il mazzo di chiavi che uso per immergermi nel lavoro di tutti i giorni. E' la prima cosa che faccio in questo periodo. Come a dire che mi smonto in due pezzi esattamente uguali. Uno va a dormire per un po' di tempo, come la tartaruga Dulcinea, quella che andava avanti-indietro-avanti nel balcone della camera, da ragazza.

L'altro pezzo ha imboccato una strada di costiera e tiene fisso lo sguardo sul mare. Come a riconoscerlo dopo un lungo, lunghissimo tempo. E si ripromette, finalmente!, di andarci a infilare i piedi nell'acqua turchina,  in  quella spiaggia dalla sabbia ruvida e dorata che pare incastonata come una perla tra due ali di roccia.


Ce l'ho fatta, infine. Quando è mattina presto e il maestrale si è stancato di infuriare, l'acqua del mare è cosi simile a quella del fiume dove, da piccola, impazzivo dalla felicità a sbattere i piedi , tra una roccia e l'altra, attenta a non urtare i girini , a non ostacolare le piccole anguille che si infilavano velocissime tra le maglie dello sbarramento di corda, li a valle.

Se le sensazioni contano ed hanno un senso, per me sono associate all'acqua del fiume, quello del mio paese.

E allora, via i sandali. Seguo un signore che mi fa un sorriso leggero, come se  anche lui avesse un fiume da ricordare. Ed un'acqua trasparente in cui possa lavare gli affanni.


Per tuffare gli occhi in quest'acqua, mi sono svegliata presto, stamattina. Il paese si stava ancora riprendendo dall'aria frizzante della notte, i primi villeggianti  avevano già i giornali sotto braccio e le nonne spingevano senza affanni carrozzine ingombre di bimbi insonnoliti.

Io ho preso tutta la panna del market....che di fare una semplice panna cotta alla vaniglia e alla liquirizia me l'ero proprio ripromesso quando ho sentito una delicata ragazza ....una speciale e sorprendente gradevole ragazza....dire che lei, con questi profumi, viaggiava misteriosamente per paesi sconosciuti e lontani.

Dolce semplice. Che la mia cucina è lì, inaccessibile. A riposare anch'essa.
Ma lo spazio in valigia per la vaniglia, la  liquirizia, l'anice stellato, il cardamomo, l'acqua di fior d'arancio.....certo che l'ho trovato ...
No. No.
 Non mi si chieda di lasciarli a casa. Che il cuore di farlo mica ce l'ho.

Variazione di panna cotta: alla vaniglia e sapore di liquirizia
( da una ricetta di Leonardo di Carlo)



Per la panna cotta alla liquirizia

100 g di fresco intero

250 g di panna  fresca liquida
45 g  di zucchero semolato
4 g di gelatina in fogli da 2 g l'uno
125 g di panna fresca semimontata
4-5 g di liquirizia in polvere



Far idratare la gelatina in acqua fredda.
Far scaldare molto bene il latte con la panna. Mescolare lo zucchero con la liquirizia in una ciotola. Stemperare con un po' di liquido bollente e poi travasare il tutto nella casseruola. Far prendere il bollore. Aggiungere la gelatina ben strizzata e tamponata su un foglio di carta assorbente. Passare la crema al setaccio. Far scendere la temperatura e aggiungere una generosa cucchiaiata di panna semimontata. Versare la crema nella panna restante amalgamando bene con una frusta dall'alto verso il basso. Colare la panna cotta in bicchierini e sistemare in frigo fino a completo consolidamento.

Per la panna cotta alla vaniglia

100 g di latte fresco intero

250 g di panna  fresca liquida
45 g  di zucchero semolato
4 g di gelatina in fogli da 2 g l'uno
125 g di panna fresca semimontata
1/2 bacca di vaniglia


La procedura è la medesima avendo cura di disperdere i semini di vaniglia nello zucchero e ripetere i passaggi.Quando la panna cotta alla liquirizia si è ben solidificata, colare quella alla vaniglia. Far riposare in frigo per alcune ore.


Decorazione




Decorare la superficie del dolce con una spolverata di caviale di cioccolato. Un nulla di cialdina al cioccolato. Se poi si hanno sottomano delle crepes dentelles croccanti e leggere...direi che si rimpiangono meno i fornitissimi scaffali della cucina....quella vera, intendo!

15 commenti:

Alessandra ha detto...

Per quest'acqua e questa sabbia... vale la pena di lasciare in un cassetto il broccato rosso delle chiavi, e di scoprire che, anche in una piccola cucina poco attrezzata, sei sempre in grado di preparare meraviglie.
Buone ferie, cherie.

Pinella ha detto...

Ricambio con cuore, cherie!

Laura ha detto...

Cara Pinella,molto spesso passo di qua, decisamente (troppo)poco spesso mi fermo a commentare. Ma questo post mi pervade di leggerezza e intensita'..mi sembra di poterla toccare, quell'acqua..e di poter sentire il profumo della vaniglia.. Impossibile non fermermi di fronte a questa magia...
Laura@RicevereconStile

valeria ha detto...

Vedere le tue foto del mare mi fa venire il magone... sono ormai 12 anni lontana dalla mia terra e da quel mare che non è paragonabile a nessun altro. Grazie per questa emozione. Buone vacanze.

°Glo83° ha detto...

mi piacciono le tue parole, come riesci a rendere anche sensazioni semplici ma forti!!!
complimenti anche per la panna cotta, meravigliosa!!! ;)

Pinella ha detto...

Buona giornata a tutti voi che passate da qui....Un caro saluto!

Deborah ha detto...

Meravigliose le foto, la ricetta e la presentazione! Sei un uragano di idee ! Complimenti

fragoliva ha detto...

buon ferragosto

camelia ha detto...

Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
farsi conoscere.

Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
nella barra in alto.

Ti inviamo i nostri migliori saluti

Vincent
Petitchef.com

~ Cuppy. ha detto...

Ciao cara , :D ho apperto da poco un blog sulla mia passione i dolci! in particolare però sui cupcake :) se ti va di passare eccoti il link
http://cupcakes-site.blogspot.com/

sofia ha detto...

Un mesetto fa, cercando una ricetta per le torta di compleanno di una delle mie bimbe, ho scoperto questo blog e devo farti i miei compliemnti. La torta, una bavarese, è stato un successone. Da allora ogni tanto quando le mie bimbe sono a letto sfoglio le tue ricette e rimango incantata dalle foto riproponendomi di provare questa o quella ricetta ...
Nell'attesa di trovare il tempo di realizzarle ti faccio alcune domande. A cosa serve il glucosio liquido che compare in alcune ricette e dove si trova? Che cos'è la glassa neutra con la quale lucidi le bavaresi?
Hai mai fatto una baverese alle pere? Lo scorso inverno a Palermo nella pasticceria Cappello abbiamo mangiato un dolce alle pere ed al cioccolato che era un sogno, volevo cercare di fare qualcosa di simile per il compleanno di mio marito.

Pinella ha detto...

Per glucosio liquido io intendo lo sciroppo di glucosio. Lo trovi in tutti i negozi specializzati.La glassa neutra è una glassa trasparente che si usa a freddo come lucidante.

Ho fatto un tempo una bavarese alle pere...vedro' di vedere se te la trovo...

lallina87 ha detto...

Ho comprato della polvere di liquirizia, avevo già in mente di preparare della pannacotta e non ho esitato un momento a controllare se avessi qualche idea da propormi, e non mi sbagliavo, grazie!

Laura - Un'altra fetta di torta

Pinella Orgiana ha detto...

Grazie a te!!!

lallina87 ha detto...

Pinella, ecco quel che è venuto fuori :D
http://lallina87.wordpress.com/2013/11/03/dessert-delicato-e-deffetto-panna-cotta-vaniglia-e-liquirizia-in-bicchierini/

Laura