giovedì 21 luglio 2011

I sentimenti delle macchine

Era una bellissima mattina di sole con un'aria fine-fine, tersa e sottilmente pungente.
Quando la mia  amica Giuliana Fabris ha spalancato il portello dell'auto e l'ho visto, intensamente avvolto nel cellophane, ho allungato la mano e l'ho sfiorato lievemente. Come fosse una carezza. E lì ho avuto la conferma che le "cose" possono avere una sorta di magia.
Tra me e Freddy è nata cosi. Ho sognato per lunghi ed interminabili anni che arrivasse. Giorno dopo giorno. Mi sentivo cosi...incompleta...Come se in questa mia passione mi mancasse un punto su cui appoggiarmi. Ed il tempo senza passava cosi lentamente che ero quasi certa che "lui" sarebbe rimasto solo uno dei tanti desideri  non-realizzati.

Al resto ci ha pensato Giuliana.
Potenza e leggerezza dell'amicizia.
Che fa regalare un abbattitore.Si, perchè Freddy è un abbattitore.
Come fosse possibile vivere senza.
Sia che si abbia la passione della pasticceria oppure ci si incapricci per il salato. Quando si assapora un dolce che ha incontrato Freddy, non lo si dimentica. Quando si gusta una fetta di salmone "crudo" e aromatizzato che ha stretto la mano a Freddy, lo si ricorda a lungo. Quando si assapora una crema, quando si affonda il cucchiaio in una minestra, quando si  infila la forchetta su un pugno di fagiolini...insomma, quando tutto è stato raffreddato con il suo aiuto, è come entrare in un'altra dimensione.

Per cui, quando la mia Rossanina ha deciso di promuovere il "suo" Fresco...per me non c'è stata storia. Io avevo già il mio Freddy. Ma non ho potuto che esserne conquistata e aderire alla divulgazione della promozione.
Insomma, ve lo presento il Fresco.
E sarà  facile dire..." Ma come ho fatto a vivere senza?"


Merendine con crema di albicocche al sapore di cioccolato
( da una ricetta di Luca Montersino)



Per il biscotto di riso

240 g di albumi
200 g di zucchero semolato
160 g di tuorli
160 g di farina di riso
40 g di amido di riso

Versare gli albumi  in una ciotola che possa andare sul fornello. Aggiungere lo zucchero semolato e mescolare con una frusta. Portare la fiamma al minimo e mescolare continuamente misurando la temperatura con un termometro da cucina. Appena la T raggiunge 35-40°C , togliere dal fornello, versare in una ciotola e montare fino ad avere una meringa lucida e stabile. Rompere i tuorli in una ciotolina. Con l'aiuto di una spatola in gomma, versare a filo i tuorli mescolando dall'alto verso il basso. Setacciare la farina e l'amido di riso e gettare a pioggia sulla montata in più riprese ma sempre lavorando con delicatezza.
Rivestire un paio di teglie con della carta forno. Versare il composto in una sac à poche senza beccuccio. Ritagliare l'estremità in modo da avere un'apertura di circa 1/2 cm e deporre la montata in strato sottile, non più alto di circa 1 cm. Infornare a 180°C per circa 15 minuti oppure per il tempo necessario a rendere la superficie del biscotto soda, dorata ed elastica al tatto.  
Estrarre dal forno e far completamente raffreddare  prima di ritagliare con una fascia quadrata di 24x24 cm di lato in modo da avere 4 quadrati .


Per la purea di albicocche

Scegliere circa 350 di albicocche mature, private del nocciolo e spellate con l'aiuto di un coltellino affilato. Frullare con l'aiuto di un mixer potente in modo da avere una purée liscia e setosa. Aggiungere poche gocce di limone, rimescolare e conservare in frigorifero fino al momento dell'uso.


Per la crema alla frutta

150 g di latte intero
50 g di uova intere ( 1 uovo medio)
10 g di miele
75 g di zucchero al velo
13 g di amido di mais
13 g di amido di riso
35 g di burro
250 g di purea di albicocche
125 g di cioccolato bianco
5 g di colla di pesce in fogli da 2 g

Tagliare in piccoli rettangoli i fogli di gelatina. Bagnarli con 25 g d'acqua e farli ammorbidire. Al momento dell'impiego versare tutto il contenuto dentro la crema calda senza necessità di strizzare la gelatina.
Far fondere il cioccolato bianco. Far bollire il latte.
Amalgamare l'uovo con lo zucchero, aggiungere i due tipi di amido, amalgamare e versare il latte caldo. Portare a cottura in modo da ottenere una crema sodissima. Aggiungere il miele, la gelatina  ed il burro in dadini. Completare con l'aggiunta del cioccolato fuso. Versare una cucchiaiata di purea di albicocche per rendere la crema più fluida e poi aggiungere la restante amalgamando bene con una spatola.

Per la bagna alla vaniglia

120 g d'acqua
80 g di zucchero semolato
60 g di liquore alla vaniglia
1/2 bacca di vaniglia

Versare l'acqua in una casseruolina. Aggiungere lo zucchero. Portare al bollore e spegnere la fiamma.Far raffreddare. Aggiungere il liquore alla vaniglia e la mezza bacca di vaniglia. Lasciare in infusione per un'ora.


Per la decorazione di cioccolato

400 g di cioccolato fondente al 60-70%
20 g di burro di cacao

Sciogliere il cioccolato fondente ed il burro di cacao in due ciotole separate. Unire i due ingredienti e mescolare bene.




Montaggio del dolce

Rivestire un vassoio con acetato oppure carta forno. Sistemare al centro la fascia quadrata e rivestire i lati con striscie di acetato. Appoggiare il primo quadrato di bisquit, inzuppare di bagna alla vaniglia in modo uniforme. Ricoprire con 1/3 di crema alla frutta. Ripetere il passaggio per altre 2 fino ad ultimare la lavorazione con il 4° quadrato di bisquit. Pressare leggermente. ricoprire di pellicola e abbattere in negativo. In alternativa, passare in un buon congelatore fino al totale rassodamento.
Estrarre il dessert e poggiarlo su un foglio di carta forno. Con un coltello affilatissimo, ritagliare dei rettangoli di 6x 4 cm. Oppure delle dimensioni desiderate. Velare la superficie di un lato immergendo la merendina nel cioccolato fuso cercando di raschiare l'eccedenza il più possibile. Far asciugare. Inserire un cucchiaio di cioccolato all'interno di un cornetto di carta con la punta finissima. Tratteggiare delle righe sottili sulla superficie e far solidificare.

18 commenti:

Ilaria ha detto...

Pinella,ho seguito con grande interesse il Maestro che faceva le mie merendine preferite..te lo posso dire? Anzi,glielo possiamo dire..non le riconoscevo, adesso,..perchè le tue sono moolto più affascinanti delle sue!bravissima! ciao Ilaria

°Glo83° ha detto...

ah...l'abbattitore...ci penso spesso ma poi mi dico "dai, ce l'hanno i pasticcieri porfessionisti!!!" e infatti nelle mie mani sarebbe sprecato!!! guarda tu che meraviglie riesci a creare...complimenti, queste merendine devono essere semplicemente deliziose!!! ;)

Ylenia ha detto...

I tuoi dolci mi lasciano sempre senza parole. Esecuzione perfetta, dir complimenti è poco!!

Nadji ha detto...

Un magnifique dessert.
Je te prends une tranche.
A très bientôt.

Chamomile ha detto...

Dev'essere di una bontà unica e sublime, tra l'indimenticabile accostamento di sapori e l'entusiasmante varietà di consistenza.
Complimenti, ho l'acquolina in bocca!


Un sorriso.

fragoliva ha detto...

grande Freddy :-D

Deborah ha detto...

Mamma che meraviglia!!! Che dci...se lo chiedo a Babbo Natale...me lo porta l'abbattitore quest'anno??? Sarò buona...prometto :-)

Pinella ha detto...

Grazie a tutte voi. E...un abbattitore ...è un regalo per sempre! Come un diamante...
Un bisou special à mon amie française, Nadji...

franca ha detto...

che delizia,e che passione che hai avuto a fare questo dolce,però il risultato compensa tutto il lavoro che c'è voluto,bravissima meriti un bel 10 e lode

Dyda ha detto...

Ah che sogno... Freddy... te lo invidio!!!
Ma tu sei davvero speciale!
Ciao
Giada

Pinella ha detto...

Al prossimo e Fresco dessert....

Giuliana ha detto...

Freddy non poteva stare in compagnia migliore....


ti voglio bene.

Giuliana

barbara ha detto...

una domanda, cara Pinella, ma questi dolci chi li mangia? Possibile che "solo" a me tocchino cellulite, trigliceridi e tutte quelle amenità variamente legate al tema GOLOSITA'??? :-D

Cle ha detto...

Wow! avevo visto il video di questa ricetta su you tube e messa nella lista di quelle da realizzare a breve, ancora una volta mi hai preceduta!
Complimenti sono splendide!!!

SpirEat ha detto...

Resto sempre senza parole davanti ai tuoi dolci. Complimenti e un caro saluto a Freddy!

Pinella ha detto...

Freddy ricambia....a modo suo...i cari saluti!!!!

Li mangio, li mangio...ahimé.....
Grazie a Giuliana che con la sua osservazione sui Kinder Brioss mi ha fatto capire come provare a realizzare quelle che restano le mie merendine commerciali preferite e so pure come fare a fare le strisce bianche!!!!! Che dite? ci provo?

Commis ha detto...

Wow!
L'abbattitore è il mio sogno proibito!!!
Anche se non riuscirei mai a realizzare tanto splendore..
sto sbavando su tastiera e monitor.. posso averne una per merenda???

ladyangel2 ha detto...

io le ho fatte con la purea di mandarini dato che ne avevo tantissimi :D sono buonissimeeeeeee