sabato 2 aprile 2011

Tra una fetta di Gateau au chocolat e un macaron al limone....

.....si consuma una settimana. I giorni volano come fossero quei foglietti dei calendari di qualche tempo fa all'aprirsi di una finestra. E che passino cosi velocemente ne ho certezza al riguardare le foto degli ultimi dolci preparati . E mi sembra sia passato cosi tanto tempo ....

Questi macarons al limone sono nati giusto una settimana fa per  tenere compagnia ai Macarons al Campari. Mi sembravano troppo osé questi ultimi...forse un po' troppo particolari al gusto e ancora non potevo certo sapere che, invece, sarebbero stati i macarons da rifare subito per un bel gruppetto di amici impazienti e assolutamente golosi.
E siccome in pasticceria chi non osa è perduto, ho subito sperimentato un bi-colore bianco-giallo, ma giusto per divertirmi un po', giusto per vedere "l'effetto che fa"....



I gusci dei macarons sono per metà bianchi, grazie ad un mezzo cucchiaino di biossido di titanio e per metà giallo chiaro. Uniti a due a due a colori alternati. Come decorazionbe una leggera spennellata di polvere alimentare bronzo-oro.... La ganache, manco a dirlo, è di Pierre Hermé. Appena appena modificata da me. Che a questo difficilmente sono in grado di resistere.

Ganache au citron
(liberamente estratta da Macarons di Pierre Hermé)

250 g di panna fresca
300 g di cioccolato bianco Ivoire Valhrona
due cucchiai di succo di limone
scorza grattugiata di un limone
mezzo bicchierino di limoncello
10 g di zucchero invertito ( oppure miele d'acacia)

Far raggiungere il bollore alla panna addizionata dello zucchero invertito . Fondere delicatamente il cioccolato nel microonde e versarci sopra, in tre riprese, la panna calda creando un'emulsione liscia e brillante. Aggiungere il limone, il limoncello e la scorza finemente grattugiata. Far riposare in frigo per una notte oppure per almeno 6 h. Montare delicatamente la crema con un frullino e versarla su metà dei gusci dei macarons.



......si consuma una settimana.Questa torta, il Gateau au chocolat de Colette, una poesia al cioccolato di Pierre Hermé, l'ho rifatta al volo per un ragazzo che, ormai, mi trafigge gli occhi chiedendomi continuamente " Si, una torta al cioccolato semplice, come quelle che mamma comprava al supermarket e si facevano in un minuto...sai quelle che apri la busta, versi l'impasto e metti in forno?...quelle che mamma chiamava le torte dei 3 movimenti...Ecco, quelle"....


Come posso non ricordare lo sguardo divertito di mia madre al mio fingere orrore e sconcerto nel  sentir parlare di buonissime torte imbastite cosi velocemente, senza avere la possibilità di setacciare la farina e vederla respirare, senza sentire il rumore secco dei gusci delle uova, senza vedere l'ondeggiare morbido del cioccolato fuso e lo scintillio della sua unione con il burro...?....

Mamma rideva ,sommessamente, divertita. Già sapendo che mi sarei subito, con impeto ed entusiasmo,  buttata nell'impresa di realizzare quella torta cosi semplice e cosi desiderata....

E quando ho poggiato una fetta di Gateau su uno dei suoi piattini, quelli con i fiori simili alle fresie che lei amava cosi tanto, di fronte ad uno dei suoi bicchieri da bibita...quei bicchieri color dell'ambra che hanno respirato infanzia e adolescenza e giovinezza e maturità....assorbito dolori e gioie, lacrime e risate a perdizione, sorrisi velati e sguardi colmi di struggente tenerezza,....non so come ma  mi è parso che, alle mie spalle, qualcuno stesse sorridendo lentamente..

Ma sarà stato certamente un caso oppure il rumore del vento.

12 commenti:

Cristiana ha detto...

La storia sulla torta mi ha emozionata....:)))...le tue ricette sono sempre meravigliose!ti seguo da un po' ormai!!!
buon weekend!
;)

lerocherhotel ha detto...

i macarons sono assolutamente meravigliosi!
e la torta al cioccolato è pura poesia.

Simona ha detto...

questa ricetta è spettacolare la copio per le mie piccole creature sarà un successo.. a presto simmy

pamelina ha detto...

che meraviglia!...tutto da leccarsi i baffi...poi per una golosa come me:)
passa a trovarmi :)

Pinella ha detto...

Piu' che i dolci, oggi, con questo caldo cielo azzurro e l'aria tiepida che annuncia l'estate....è lei, mia madre, che da qualche parte respira il mio respiro.

bibikitchen ha detto...

quanto amore Pinella.
grazie.

Ylenia ha detto...

Che bel post, carico di emozioni che sai magistralmente descrivere. E poi se la regina dei macaroons, sei sempre bravissima, complimenti!

ichigo ha detto...

bellissima la storia della torta...buon fine settimana!

arabafelice ha detto...

Quanta poesia, Pinella.
Anche a me piacerebbe pensare che mi madre, da chissa' dove, possa respirare il mio respiro.

PP ha detto...

complimenti per la bella persona che sei e per quello che fai


musicaperlagola

Angela ha detto...

Bellissima la storiella della torta vera poesia !!!

francy ha detto...

Resto sempre colpita dalla tua eleganza e raffinatezza...ti immagino nel tuo bel giardino a leggere libri di grandi chef e che le tue idee d'un tratto prendano il volo e prendano poi corpo diventando il riflesso di te stessa...devi essere davvero una bella persona...con stima.
Francesca