venerdì 22 aprile 2011

Is sospirus. I sospiri.

Is sospirus. I sospiri.

I sospiri. Quelli di pasta di mandorle, ricoperti da una delicata glassa al sapore di limone. Ognuno avvolto in un rettangolo di  carta velina impalpabile. Bellissima quella bianca. A volte sfrangiata ai lati, a volte forata in una trama come fosse un  merletto oppure una trina. Un sospiro da gustare con calma tenendo la carta tra le dita, lisciandola delicatamente e piegandola in quattro, per ricordarne il motivo e sperare, un giorno, di poterlo rifare uguale.

I sospiri  di mio padre. Brevi e intensi, come i mozziconi di sigarette fumate fino alla fine, ad un battito dal filtro. A volte, spesso direi, lunghissimi. Con il viso esposto al vento di maestrale, seduto sulla sedia di paglia addossata al muro della cucina, lì in veranda, le lunghe  gambe accavallate,le labbra intente  a disegnare con attenzione spirali di fumo oppure cerchi concentrici . E da osservare ad occhi socchiusi, fino a vederli  svanire,  piano.

I sospiri di mia madre. Profondi, come fossero  battiti  di  cuore. Cosi lunghi che il respiro si poteva, talvolta, inceppare sulle labbra serene, distese in un sorriso misterioso nell'udire la mia voce" mamma, ma quanto sei bella quando sospiri..."
Tanto bella da risultare impossibile non affondare il viso nell'incavo del collo quasi a risentire la tenerezza  dell'infanzia.

Esistono parole più delicate e fragili dei petali dei papaveri. Che quando le pronunci, come per magia, fanno aprire lentamente i portoni innalzati a custodia dei  ricordi. Ricordi lievi ed impalpabili, difficili da definire. Più legati a sguardi e movimenti del capo e volteggi di mani leggere e carezzevoli .

E non sembri strano, quindi, che un dolce dal nome "Sospiro" possa afferrarmi come un nastro di seta. E avvolgermi e ancora avvolgermi fino a rendere impensabile il sottrarsi .
Come fosse possibile sottrarsi ai ricordi.
Corti come mozziconi di sigarette oppure profondi come i battiti del cuore.

Sospiri
( da una ricetta di Luca Montersino)




Per la pasta biscotto

200 g di albume
185 g di zucchero semolato
135 g di tuorlo
185 g di farina 00

Montare gli albumi, tenuti per circa un'ora a temperatura ambiente, con lo zucchero fino ad ottenere una massa soda e lucida. Mescolare rapidamente i tuorli e versarli a filo sulla meringa aiutandosi con una spatola con un movimento dall'alto verso il basso. Setacciare la farina per almeno 2 volte e unirla alla massa montata sempre con delicatezza e sempre con il medesimo movimento. Imburrare ed infarinare degli stampini a semisfera come quelli in uso per la lavorazione delle "delizie". Per poter svolgere rapidamente il lavoro, consiglio, dopo averle imburrate, di versare un cucchiaio di farina all'interno di una semisfera, sovrapporre una seconda semisfera e agitarle entrambe, con un solo movimento della mano, da destra a sinistra. In tal modo, la farina velerà in strato sottile l'interno rendendo facilissimo eliminarne l'eccedenza.

Versare la montata in una sac à poche con beccuccio liscio e riempire le semisfere fino ai 3/4 del totale. 
Infornare a circa 180°C per 15'. Far raffreddare ed estrarre il biscotto sistemandoli su un foglio di carta da forno.
Con un coltellino affilatissimo, tagliare la base del dolcino ad un'altezza di circa 1/2 cm. Conservare la base che servirà a chiudere il sospiro farcito. Svuotare delicatamente e senza entrare troppo in profondità l'interno del biscotto.

Per la bagna al liquore

100 g di zucchero semolato
100 g d'acqua
liquore a scelta ( in questo caso alkemes)

Bagnare lo zucchero con l'acqua e porre sul fornello a fiamma moderata fino a che lo zucchero si presenti completamente sciolto. Far raffreddare. Versare il liquore fino a raggiungere il gusto desiderato.
Con un pennello, inumidire l'interno dei sospiri e l'interno della base.

Per la crema pasticciera
(estrapolata da una ricetta di Anice&Cannella)

250 g di latte intero
200 g di panna fresca
50 di liquore al limone
2 uova intere
100 g di zucchero semolato
80 g di farina ben setacciata
scorza di limone biologico

Unire il latte, la panna ed il liquore al limone. Aggiungere la scorza del limone e far scaldare brevemente. Lasciare in infusione per 30 minuti. Versare lo zucchero sulle uova intere senza montare a spuma, aggiungere la farina ed amalgamare. Versare metà dei liquidi sulla crema di uova, stemperare con una frusta e ultimare versando la seconda parte dei liquidi. Cuocere la crema a fiamma moderata finché la temperatura raggiunge gli 85°C e finché la crema si presenta ben densa. Passare tutto al setaccio. Sistemare la ciotola in una boule di acqua e ghiaccio e, quindi, procedere alla farcitura dei dolci. Con l'aiuto di una sac à poche, inserire un ciuffo di crema all'interno del sospiro. Sigillare con la base tenuta da parte e porre in frigorifero fino a totale raffreddamento.



Decorazione

Zucchero fondente
Cioccolato fondente al 70%

Sistemare un bagno-maria sul fornello. Versare nella ciotola lo zucchero fondente tagliato a pezzetti, un cucchiaio di succo di limone e un paio di cucchiai d'acqua. Farlo sciogliere lentamente fino al formarsi di una glassa densa ma sufficientemente liquida da consentire una velatura liscia ed omogenea della sommità del sospiro. Far asciugare perfettamente.
Sciogliere al micro-onde poche decine di grammi di cioccolato. Inserirlo in un cornetto di carta e decorare i sospiri a righe parallele.

17 commenti:

memmea ha detto...

Sospiro soltanto a guardarli......
Auguro a te ed alla tua famiglia una santa pasqua.

LORENA ha detto...

Che emozione leggere i tuoi ricordi!!
Complimenti veramente, i tuoi sospiri sono una delizia!!!!

Federica ha detto...

favolosi!!!!!!!!!Tanti auguri di Buona Pasqua a te a tutta la tua famiglia!!!!!!!

Minde ha detto...

Che belli questi sospiri.Leggendoli ho rivisto i volti ed i gesti della gente che mi appartiene, delle persone che amo.
Bella anche la rivisitazione dei Is sospirus, che non amo particolarmente, ma la tua quasi mi fa venire voglia di riscoprirli.

Buona Pasqua

Fataricotta ha detto...

Tanti auguri di buona pasqua e...buon appetito !!
Sara

maria luisa ♥ ha detto...

Strepitosa questa ricetta, complimenti, auguri di una Buona Pasqua a te e alla tua famiglia...

SUSY ha detto...

Bellissima ricetta!
Tanti auguri di Buona Pasqua a te e famiglia!!!!!!!

Ornella ha detto...

Essì Pimella, i tuoi Sospiri fanno sospirare...
Un caro saluto affettuoso,
Ornella

Alessandra ha detto...

Certi sospiri ti rimangono nel cuore.
Come quelli che racconti tu.
E non ci sono parole sufficientemente belle o sufficientemente grandi per raccontarli.
Buona Pasqua amica mia.

Nadji ha detto...

Une belle gourmandise.
j'en mangerai volontiers un ou deux.
Joyeuses Pâques.

lory ha detto...

Questo post, e non solo questo perchè ho curiosato un po' in giro per il blog, è poesia, mi hai fatta emozionare.... non potrei mai cimentarmi in una ricetta così impegnativa ma leggere i tuoi ricordi mi han riscaldato l'anima. Grazie per queste emozioni.... Ciao e Buona Pasqua!

Pinella ha detto...

Grazie di tutto. Spero abbiate trascorso un week end sereno...Merci à toi aussi, Nadji!!

ValeVanilla ha detto...

....SEMPLICEMENTE PERFETTI.... meritano un "sospiro" d'ammirazione...

Meg ha detto...

paradiso *.* ma ti sono venuti divinamente! troppo belli e troppo golosi! prendo nota! grazieeeee! bacioni

Mariabianca ha detto...

.......Mi fanno sospirare......bellissimi,complimenti.

lerocherhotel ha detto...

che post emozionante! e che dolcetti deliziosi!

Nani e Lolly ha detto...

Non ci sono parole per descrivere l'emozione che si prova guardando i tuoi,a dir poco,golosissime ricette!Noi siamo Nani&Lolly e abbiamo un blog di cucina..da poco tempo.Vieni a farci visita,ne saremo davvero liete!!