giovedì 23 dicembre 2010

Buon Natale....sognando la neve......

Molti, molti anni fa in questo periodo, quando mi alzavo la mattina per andare a scuola, non riuscivo, nonostante il freddo intenso e pungente, a non aprire la porta della terrazza e appoggiare le dita su una bacinella di plastica che, la notte prima, non mancavo di riempire d'acqua, sino al bordo.Non mi si chieda il perchè ma mi piaceva enormemente controllare che durante la notte si fosse formata una lastra di ghiaccio.Mi dava, forse, l'idea che più freddo piombasse durante l'oscurità, più fosse Natale. Spesso, non trovavo null'altro che acqua fredda e, colma di delusione, me ne andavo a scuola mangiando la fetta di pane che mia madre mi dava perchè la consumassi durante il percorso.
"E, ricordati che l'altra ....è per lo spuntino di mezza mattina. Non fare come sempre che hai l'occhio più grande della pancia"

Altre volte, invece, la punta delle dita picchiava con un rumore sordo sul ghiaccio e, come una furia, facevo i gradini a due a due per scendere in cucina e annunciare che " C'è un freddo incredibile, si, si, certamente domani nevica. Dici che nevica, mamma? E se dovesse nevicare, ti prego, non mi far andare a scuola...E tu non andare al lavoro, dai ti prego, ti prego, ti prego..."

L'attesa della neve.....L'avevo vista solo una volta nella mia vita  fino ad allora. Noi bambini avevamo passato la mattina a giocare nei cortili innevati ridendo a più non posso e cercando di acchiappare con la bocca i fiocchi candidi che planavano leggeri e silenziosi sulle nostre teste. Ci sembrava anche buona ...come sapesse di zucchero.

Come sarebbe stato bello se fosse scesa la neve durante la notte di Natale.
Come succedeva nelle fiabe.
Come capitava sempre nei racconti che mia madre ci regalava la sera tardi, seduti intorno ad un braciere, i piedi poggiati in verticale sull'asse di legno a catturare le fiamme......Allontanati dal fuoco! o vuoi finire come Pinocchio ?.....muti ed insaziabili, smaniosi che le storie non avessero mai fine.
Come visto nelle vere città, quando loro..... i bambini di città... cosi diversi da noi...bambini dei paesi .... si svegliavano la mattina e, ancora in pigiama, aprivano i  regali mentre la neve alta e spessa come una coltre era solo da sbirciare dietro i vetri appannati delle  finestre.

Sarebbe bello se quest'anno ci fosse la neve.
Ma, seduta nel silenzio a cercare di far riposare il cuore, sento che il  tepore intorno mi invita a smettere di sognare.
Sarà sicuramente, anche quest'anno, un Natale senza neve.
E solo ora mi rendo conto che da troppi anni, ormai, non metto più neppure la bacinella piena d'acqua sulla terrazza.

Sarà per tutto questo che anche quest'anno non ho potuto sottrarmi al mio gioco preferito. Quello di fare case, cortili, alberi, porte, stelle....tutto di frolla. E farci volare sopra dell'impalpabile zucchero, come fosse la neve. Certa che se fossi una bimba ne sarei cosi assurdamente entusiasta di riceverli da qualcuno.
Probabilmente, una parte di me la sogna ancora,  la neve.

Buon Natale!


Il paese dei miei sogni



Per la pasta frolla


500 g di farina 00
300 g di burro morbido
200 gr di zucchero a velo
80 gr di tuorli
una bacca di vaniglia

Impastare il burro con lo zucchero a velo e l'interno di una bacca di vaniglia. Aggiungere un pizzico di sale sciolto in mezzo cucchiaino d’acqua ed i tuorli. Setacciare molto bene la farina e versarne metà nell’impasto cercando di amalgamarla bene  servendosi della frusta K della planetaria. Naturalmente, lo stesso risultato si ottiene con un mixer oppure semplicemente impastando a mano. Completare con la farina restante. Far riposare la frolla in frigo per circa un’ora. Stendere l’impasto sull’asse lievemente infarinato ead un’altezza di 1 cm.. Con un coppa pasta quadrato ritagliare dei frollini e sistemarli su teglie rivestite di carta forno. Fare lo stesso con coppapasta a forma di stelle di differenti dimensioni. Servendosi di una fascia per semifreddi ritagliare una base di frolla di circa 28-30 cm di diametro.Ritagliare Far riposare in frigo per 30 minuti ed infornare a 175°C per circa 10-15 minuti.

 
Costruzione delle casette
 
Gelatina o confettura di albicocche
Pasta di zucchero di differenti colori
Marshmallows
Confettini colorati
Cioccolato bianco
 
Stendere la pasta di zucchero in uno strato di pochi mm di spessore.Ritagliare le sagome dei biscotti servendosi degli stessi coppapasta usati in precedenza. Deporre un marshmallow sul biscotto che fungerà da base per la casetta e farlo aderire con un pò di cioccolato bianco.Sul davanti incollare un cuoricino argentato. Velare altri due quadrati con la gelatina di albicocche e incollare la pasta di zucchero.Usando un pennellino, prendere del cioccolato bianco e far combaciare i due quadrati ( saranno i due pezzi di tetto) al centro e sui bordi della base.Decorare a piacere con confettini e zucchero al velo.
 
Costruzione degli alberelli
 
Costruire gli alberelli servendosi delle stelle di diverse dimensioni. Ricoprire i singoli pezzi con la pasta di zucchero e incollarli con il cioccolato bianco. Per ottenere un effetto ad abete, sfalsare le diverse stelle fra loro.Decorare deponendo un confettino argentato ad ogni  punta delle stelle.
 
Costruzione del villaggio
 
Sistemare la base tonda di frolla su un vassoio piatto. Disporre le casette e gli alberi a proprio gusto e fissare tutto con un pò di cioccolato bianco. Con l'aiuto della pasta di zucchero, fare i tappettini per le case e spolverizzarli di zucchero brillante. allo stesso modo, con la pasta di zucchero rossa fare delle piccole sferette a mò di bacche.  Infine, spolverizzare con abbondante zucchero al velo.
 

Nota: Lo stesso villaggio può essere poggiato su una base di pasta paradiso. In questo caso, fare i tetti con pasta di zucchero colorata per far risaltare il candore ......della neve!


14 commenti:

viola ha detto...

Che meraviglia Pinella, questo è anche il mio paese dei sogni.
Ti faccio tantissimi auguri di un sereno e felice Natale. Un abbraccio

Stefania ha detto...

Buon Natale e tantissimi auguri per un felice e sereno anno nuovo !

ichigo ha detto...

stupendo il paese dei tuoisogni,avanza un posticino?qui la neve l'abbiamo avuta,qualche giorno fa,e non c'è nulla da dire,è magica.
buon natale,un abbraccio

Angela Maci ha detto...

E' bellissimo il paese dei tuoi sogni! Buon Natale e tanti sogni belli dalle sorelle in pentola.

Azabel ha detto...

Tanti auguri Pinella... domani al mio pranzo di natale sarai presente anche tu con i tuoi snack di sfoglia piccanti al pomodoro. Continuo a farli e rifarli, piacciono sempre a tutti ^_^

Your Noise ha detto...

Come sempre le tue parole hanno la leggerezza dello zucchero a velo, ma con l'intensità delle emozioni.
Grazie.
E tanti auguri, per un Natale fatto di affetto e serenità.
Bacioni
Agnese

UnaZebrApois ha detto...

tantissimi auguroni di Buon Natale!

Stefania ha detto...

I racconti del passato come li fai tu sono magici e mi piace sentirli quando li fai, ma non sei ancora stanca di neve ????
Fatina mia ....buon Natale !

piccolacuoca ha detto...

Mi hai fatto sognare con i tuoi ricordi...e questo "paese" è meraviglioso...! E poi sono sempre bellissime le musiche che metti in sottofondo...
Un bacione e buone feste!
Laura *_*

Sgt.Pepper ha detto...

ma questo " paese" è bellissimo, proprio natalizio, sarà stato un successo sia nella forma che ne gusto!complimenti!
a presto e tantissimi auguri per le festività....
ciaoooooooooooo

Giancarlo ha detto...

Pin, come al solito hai una splendida fiaba da raccontare. Sempre un docissimo ricordo in cui ci possiamo immergere con la nostra fantasia.. Buon Natale a te e a Raf. TVB

w ha detto...

Cara Pinella...è delizioso!!
Non potevo sottrarmi: ho rifatto i tuoi alberelli sulla torta di mia zia Natalina...non sono belli come i tuoi ma fanno comunque la loro figura.

Grazie e buone feste

piroulie ha detto...

C'est vraiment magnifique
Quelle superbe présentation

*@*Simona*@* ha detto...

Veramente bellissimo!! Idea meravigliosa ed è così bello che è un vero peccato mangiarlo. :)