venerdì 13 agosto 2010

A volte, la semplicità....

Andar via di casa, anche se solo per pochissimi giorni, rende praticamente impossibile mettere nella sacca tutte le cose che ti fanno compagnia durante la restante parte dell'anno. Una volta, ricordo, partii cosi carica di tutto..dalla planetaria alle forme in silicone, dagli stampi a cerniera alla crepiére, dalle paste di pistacchio  , gianduia, torroncino, caffé...alla farina di mandorle, di nocciole.....insomma, cosi di tutto e di più  che alla fine mi successe come la volpe e l'uva di antica memoria e non feci quasi nulla...

Adesso ho scelto di provare a "staccare" anche dalla passione. Per cui, prendo la sacca più piccola e vedo di infilarci solo una dozzina di stampini, il termometro....non si può vivere senza, naturalmente...giusto uno stampo da crostata, due teglie per biscotti...magari la piastra per le cialde.....ok! non ci sta proprio null'altro. No, anzi, il sifone l'ho inserito al volo, tre cartucce tre giusto per una spuma veloce, nel caso volessi utilizzare quei pochi cartocci di panna che sono come una copertina di Linus, per me.

Mi sono cosi solennemente ripromessa di cucinare qualcosa che non sia dolce...E' una considerazione che compare sempre, ogni estate, all'inizio delle ferie...

Quest'anno voglio proprio imparare a cucinare....

Un proposito cosi impegnativo che si perde per strada quasi subito.Però....un salto in pescheria lo si fa...Un branzino lo si sceglie...un pò di gamberi anche....ma....un dolce fatto da te ci vuole proprio....e non occorre poi cosi tanto tempo a decidere cosa.

Ho degli amaretti. Ho del latte fresco. E vaniglia. E una buona bottiglia di Vin Santo...
In fin dei conti, il crème caramel piace sempre cosi tanto....
Lo si prova il crème del Montersino....Dopotutto, il libro nella  sacca è stato uno dei primi ad entrarci....


Crème caramel
(estrapolata da una ricetta di Luca Montersino)


Per 12 stampini

1 Litro di latte fresco intero
500 g di uova intere
250 g di zucchero
una bacca di vaniglia
3 amaretti sardi
un mezzo bicchiere di Vin santo
Caramello per gli stampini

Caramellare il fondo degli stampini e tenerli da parte.
Accendere il forno a 140-150°C.
Scaldare il latte con 125 g di zucchero. Aggiungere la bacca aperta per il lungo e far prendere un leggero bollore. Frantumare gli amaretti e unirli al latte caldo cercando di farli sciogliere almeno sommariamente. Far amalgamare le uova con lo zucchero restante senza montarle. Filtrare il latte e schiacciare bene la polpa di amaretti eliminando poi la parte restante. Versarlo il latte sulle uova amalgamando il tutto con una frusta. Aggiungere il Vin Santo e amalgamare bene.Versare due mestoli di crema in ogni stampino. Eliminare le eventuali bolle e disporli in una teglia che contenda abbastanza acqua da arrivare fino ad un’altezza pari a metà dell’altezza dello stampino.Porre in forno e continuare la cottura finchè la lama di in coltello, inserita per il lungo, possa poi essere estratta ben asciutta.
Far freddare e conservare in frigo.

16 commenti:

Cinzia ha detto...

Ciao, ho scoperto x caso il tuo blog e l'ho messo fra i preferiti...negli ingredienti di questa ricetta c'è il vin santo...ma nell'esecuzione nn lo citi...io sono astemmia...con cosa lo posso sostituire?
Grazie mille.
Cinzia

Pinella ha detto...

Ah...lo puoi profumare con cannella, anice stellato oppure cardamomo, aroma di mandorla amara.....

Luciana ha detto...

Ciao cara, complimenti per questa delizia...hai eseguito la ricetta in maniera impeccabile e il risultato è straordinario!!! un bacio e buon Ferragosto!!!! Luciana

Valeria ha detto...

se io portassi in vacanza anche solo uno stampino x far dolci, credo che mio marito mi pianterebbe lì!!
per l'assaggio è sempre pronto, ma per dividermi con la mia passione, quello mai!!

Cinzia ha detto...

Grazie!
Cinzia

arabafelice ha detto...

Mi hai fatto proprio sorridere, con l'annotazione che vuoi imparare a cucinare...proprio tu!

Bellissimo il tuo creme caramel, proverò questo originale modo di aromatizzarlo.
Grazie e buone vacanze :-)

Cristina ha detto...

hahaha!! ma allora non sono l'unica maniaca che quando va fuori destina una trolley per gli inseparabili attrezzini... e anche a me capita poi di usare meno di un decimo di quello che mi porto dietro... non sia mai mi pungesse vaghezza di preparare qualcosa e non aver dietro l'attrezzo necessario...
bella ricettina, mi incute timore la quantità di uova ma sono certa che deve essere buonissimo.
buona vacanza!

Pinella ha detto...

Oh..in fin dei conti sono solo circa 8.....10 se piccole.....per litro di latte....Si puo' fare...

viola ha detto...

Carissima Pinella, il "tuo" crème caramel mi mancava.
A dire la verità ne cercavo uno che funzionasse bene da tempo..
Non ho mai avuto problrmi con le tue ricette, quindi questo lo stampo subito.
L'unica cosa, siccome io non amo moltissimo gli amaretti, pensi che potrà funzionare anche senza?
Devo magari sostituirli con qualcos'altro?...
Beh, chissà se farai in tempo a rispondermi....
Nel caso io provo lo stesso.
Buone vacanze...
Un pò di dolci per quando sarai via ce li hai lasciati.....
Baci

Pinella ha detto...

Certo che arrivo....Ok anche senza gli amaretti...Hai della buona vaniglia o magari dell'ottima Marsala?

adoro il crème caramel con la Marsala....

Irmina Díaz-Frois Martín ha detto...

Deliciosa web, me gusta.
Un saludo.

Pinella ha detto...

Gracias Irmina....muchos saludos de aqui.....

Rosa ha detto...

Pinella, gracias por tu visita. Estoy disfrutando de tus recetas y de tu estupendo blog. Volveré a menudo.
Saludos

Pinella ha detto...

Rosa, tu puedues hacer lo que tu quieres!!!!

Hasta luego, querida!

ZuccheroFilato ha detto...

Beh, leggendo il tuo post mi sento quasi fortunata di fare le vacanze a casa con tutte le mie formine sottomano.. ;-)
Poi il tempo è anche brutto,il bambino ha qualche linetta di febbre...quindi ...posso dedicarmi alla cucina..peccato che cè un marito che sembra una pentola di fagioli perchè non può andare in spiaggia...

susanna ha detto...

proverò di sicuro anche questa ricetta...appena avrò un attimo di tempo....adoro il tuo blog.
susanna