domenica 25 aprile 2010

Ogni tanto fa capolino un che di salato.......

Ah, si. Ogni tanto si rende assolutamente necessario.

Specialmente quando per tutta la settimana ci si è trovate immerse in cioccolato, zucchero, burro, spezie, pepe, cannella, farina, fragole e cosi via. Settimana intensa questa......Tipica di quando si deve organizzare qualcosa e tutto sembra cosi assolutamente scontato....Si vorrebbe preparare qualcosa di nuovo. Assolutamente nuovo. E allora diventa tutto un aprire i cassetti della memoria, annaspare tra la moltitudine di libri, sfogliare le pagine lucide febbrilmente alla ricerca di " Ma dov'era quella mousse che" ....."Dove l'ho vista quella bavarese con quella decorazione che...." E le stanze diventano zeppe e cariche di idee che mi seguono attaccate alle spalle mentre giro, frugo, apro, organizzo.

Alla fine, sempre, ogni volta è cosi....

Chiudo tutto. Rimetto in ordine i libri, apro le finestre e mi appoggio allo schienale della poltrona.
E riparto da zero.

Decido che è meglio ritornare alla mia essenza. A vedere quale dolce io ami di piu'. Quale mi pare il più buono. Possibilmente mettere in un cantuccio la voglia ( è normale?....) di fare qualcosa di stupendamente bello che tanto quando ragiono cosi è quasi inevitabile il disastro più eclatante.....Cancello tutte le decorazioni azzardate. Tutte le presentazioni più strabilianti ma cariche di punti interrogativi. Metto in un cantuccio i nuovi accostamenti , tanto nuovi che magari sarà il caso li sperimenti per una cena a due.....insomma, elimino. Cancello. Ripongo. Sostituisco.

Ed infine, scruto quale tra i tanti dolci è riuscito nell'impresa di starmi a fianco.Che non si è stancato di sentirsi messo in discussione con tutti gli altri. Lo guardo e mi chiedo perchè non ci abbia pensato prima. In effetti, mi pare il dessert piu' semplice. Il piu' buono.Magari gli mettero' il vestito della festa, lo agghindero con una nuova decorazione, lo calerò in una nuova forma.

Ma è propro lui il dolce che cercavo.....

E allora, farcita da cosi tanto dolce, può diventarea assolutamente normale che il "salato" faccia capolino...come a voler compensare tanta profusione.. E perchè non tirar fuori quel delizioso libro di Ivana Chovancova che raccoglie cosi tante irresistibili preparazioni?


Sono pure fortunata....ho anche gruyère, pere, gorgonzola.....cipolla, pancetta....Insomma, ogni tanto diventa indispensabile l'operazione" far fuor fuori tutti gli avanzi del frigo...."

"Suvvia! Una fetta di cake salato stasera ci va proprio bene....."sussurro timidamente alla invisibile mousse che mi trotterella al fianco ancora insicura e timorosa di venire sostituita imprevedibilmente da qualcun altra....No, no. E' deciso.

"Sarai tu la regina della festa"



E con la pancetta e la cipolla?  Sempre quasi lo stesso cake, naturalmente.....

Cake salato con cipolla e pancetta
( da Cakes dolci e salati di Ivana Chovancova)




Ingr:

180 gr di farina
3 uova
100 gr di latte parzialmente scremato
100 gr di olio di riso
100 gr di gruviera grattugiato
100 gr di pancetta tagliata a dadini
1 cipolla stufata in padella
1 bustina di lievito per torte salate
sale e pepe

Sbattere poco le uova con l’olio e il latte. Aggiungere la farina setacciata con il lievito e rimescolare con un cucchiaio. Quindi, versare nell’impasto il gruyère. Completare con la pancetta tagliata a dadini e la cipolla stufata. Salare e pepare.

Imburrare ed infarinare uno stampo da plum cake. Versare il composto in forno caldo (175-180°C) e cuocere per circa 40-50 minuti.
Far freddare e sformare il cake.

Nota:
 La ricetta originale prevedeva

200 g di farina integrale;100 g di farina 00;3 uova;100 g di olio d'oliva;200 g di latte fermentato
100 g di pancetta;1 cipolla;1 bustina di lievito

Io ho preferito ricorrere alla ricetta base data la mancanza in dispensa di farina integrale. Ma ci si puo' provare, no?

15 commenti:

Cristina ha detto...

ecco... questa cake salata la trovo perfetta per un bel picnik in una giornata splendida come quella di oggi a roma... ma anche per un pigro brunch in casa...oggi non ho proprio voglia di cucinare...sarà la primavera?...

Chiara ha detto...

interessanti...adatti ad un buffet o ad una scampagnata, bella idea Pinella,grazie!

Giuky ha detto...

buonissime queste torte salate!:)in particole la seconda...:)ogni volta sempre più brava!:)

arabafelice ha detto...

Dolce o salato fa poca differenza, Pinella, viste le meraviglie che sforni in tutti i casi!
Ed anche stavolta salvo :-)

Pinella ha detto...

Si...ogni tanto non c'è nulla di meglio di una fetta di cake.....una di prosciutto, un po' di formaggiuo.
Il dolcino non manca mai ...Che si vuole di piu'?

€llY ha detto...

ogni tanto ci vuole la pasticceria salata, brava pinella!
Ti auguro una buona domenica, piena di dolci sapori...;D

SUNFLOWERS8 ha detto...

Ho un'estratto del libro che hai tu, e questo cake è tra quelli da provare. Moooooolto gustoso! Proprio oggi pomeriggio ho provato il cake ai frutti rossi (ho modificato la ricetta con ciò che avevo in casa, e ho fatto dei piccoli muffin...'na goduria!).
Bacioni
Sonia

Federica ha detto...

sfizioso!! complimenti!

stefania.confidential ha detto...

Davvero belli, ed hai ragione a volte si "cerca" anche qualcosa di salato in cucina. ;)

dauly ha detto...

questo mese con sale e pepe c'è allegato questo libriccino..stupendo!! credo che li faro' tutti, 2 sono già andati, e quello al gorgonzola e noci era in previsione!

viola ha detto...

Che sorpresa trovare qualcosa di salato qui da te.
Come posso non provarlo...se penso alle delizie dolci che ci regali....
Anche il salato sarà stupendo!
Buona giornata....

Gambetto ha detto...

Mi piacciono questi cake. Sono tra l'altro curioso di capire anche la resa dell'olio di riso con il latte parzialmente scremato. Grazie per l'ottimo spunto, davvero :))

Pinella ha detto...

Io adoro l'olio di riso. Lo trovo particolarme adatto in questo tipo di impasto. a dire il vero, è una mia scelta...Nel plum cake con le noci veniva raccomandato l'olio di noci..Certamente gli avrebbe dato un gusto piu' marcato.

Per il latte scremato: gli anglosassoni usamo molto il latticello che io non trovo mai. in genere rimedio usando latte scremato e alcune gocce di succo di limone.

Gambetto ha detto...

Grazie a te invece per gli ottimi suggerimenti :)
Tutto segnato. Ti faccio sapere ovviamente non appena li provo.
Grazie ancora :))

chechi ha detto...

acojonante!!!!