domenica 11 aprile 2010

Era li....ma non lo vedevo!

No. Non mi sono affatto scordata di Achille. Achille Pinna. Il fatto è che andavo da un paio di settimane alla ricerca di un dolce che ....diciamo, un dolce che gli si adattasse. Che in un certo qual senso lo potesse rivestire come un manto. Che al vederlo, io per prima potessi dire; "Ecco, è lui. E' il dessert che va bene". Niente. Ci giravo intorno come un'ape sui fiori nei pomeriggi d'estate. Sapete.... come quando la vedete andare di fiore in fiore e prendere il giallo e lasciare il rosso, un tuffo nel fiore viola, un'ala che sfiora quello rosa. Mi sono sempre chiesta cos'è che poi la fa decidere di far riposare le ali e annegare all'interno dell'ultimo fiore...

Poi, un click.
L'avevo cercato tanto ed era lì, ad un passo dal mio cuore.

Credo l'abbia fatto scattare uno dei tanti pensieri che faccio dirigere molto spesso verso una splendida signora bionda che il caso mi ha fatto incontrare ormai non so più  quanti anni fa. La  fantasia fatta persona. L'imprevedibilità più imprevedibile. La generosità più disarmante. La depositaria di tanti e tanti meravigliosi tesori contenuti in una sorta di forziere che è inutile tu cerchi il fondo che tanto non c'è e non ci sarà mai.

E' suo il dolce che può parlare ad  Achille Pinna. E di Achille Pinna.
Ricco di  torrone sbriciolato ,di croccanti amaretti, di nocciole caramellate. Con un lieve sentore di mandorla amara. Con un che di salsa di cioccolato fondente a far da contrappunto e a ricordare che ogni cosa ha il suo dolce ed il suo amaro, nel caso l'avessimo mai dimenticato.

La mia amica  è curiosa sulla mia interpretazione del suo Nuraghe......e non poteva che chiamarsi cosi....ma mi permetta di risponderle che con dolci cosi buoni e cosi perfetti, la reinterpretazione non esiste. Solo la mancanza dei contenitori adatti induce alla scelta di una forma differente...e chissà non sia esistito veramente una sorta di nuraghe a cupola per far giocare i bimbi durante le lunghe estati o farli sognare durante le fredde notti d'inverno. E immaginare di sentire, pur lontano, il rumore del mare.

Ho scelto bene, Achille?

Nuraghe al torrone
(di Maria Antonietta Andante)




100 cc. di latte bollente
3 tuorli
100 gr. di zucchero
200 gr. torrone sardo alle nocciole( o mandorle)  tritato finemente
100 gr. amaretti
2 cucchiai di liquore amaretto
250 gr. panna frescasemimontata
50 gr. di nocciole caramellate tritate grossolanamente

Lavorare i tuorli con lo zucchero. Unire il latte bollente e far  cuocere finchè la crema raggiunge la temperatura di 82°C. Togliere la crema dal fuoco, passarla al setaccio e aggiungere il torrone sbriciolato e gli amaretti ridotti in polvere. Far raffreddare ed unire  il liquore. Versare alcune cucchiaiate di panna nella crema per renderla più fluida e ultimare la lavorazione travasando in più riprese la crema nella panna amalgamando dall'alto verso il basso. Versare la mousse all'interno di piccoli stampi a semisfera fino a metà altezza, spolverizzare con le nocciole caramellate e completare con la restante crema.Riporre in freezer fino al completo consolidamento .


Maria Antonietta serve il dessert come fosse un nuraghe....ed è senza alcun dubbio la presentazione ottimale....come descritto benissimo nel suo nuovissimo e scintillante blog.
Ma...data la mancanza di bicchierini ho optato per una forma diversa e ...a questo punto...dato il cambiamento ho colto l'occasione per sperimentare una nuova salsa al cacao, ricetta-regalo di Stefano Deidda.

Salsa al cacao amaro

50 g di  cacao amaro
100 g d'acqua
5 g di burro
30 g di zucchero
5 g di glucosio

Unire insieme tutti gli ingredienti.in una casseruolina che va poi sul fuoco, a fiamma bassa. Rimescolare e lasciar addensare fino alla temperatura di 90°C. Passare al setaccio e conservare.

In qualche modo dovevo farmi pure perdonare di non aver potuto dare la forma del Nuraghe...e allora ho deciso di realizzare con il cioccolato delle piccole decorazioni  che potessero far pensare ad una sorta di utensili nurargici....senza una forma precisa...con un che di anticato....

L'idea viene dal nuovo e splendido libro di Loretta Fanella.
Non ho fatto altro che far colare del cioccolato fondente su un velo di cacao amaro e rivestirlo completamente. Far asciugare e.....

18 commenti:

arabafelice ha detto...

Pinella, si diventa banali con i complimenti, lo so.
Ma non c'e' mai volta che possa passare senza soffermarmi sulle tue preparazioni, e sul cuore che metti in ciascuna di esse.

Lauretta and Mary ha detto...

deve essere di un buono!!! Complimenti Pin!! Sei sempre il top, ora vado a sbirciare il blog della tu amica, buona domenica...Laura

dolci a ...gogo!!! ha detto...

è incantevoe pinella questa preprazione,da vetrina!!!!sei davvero unica!!!per me quasi inraggiungibile!!baci imma

Acquolina ha detto...

questo è davvero buonissimo! mi piacciono i dessert cremosi ma con un cuore croccantino come questo per rompere la monotonia...complimenti!
Francesca

Luciana ha detto...

Una vera opera d'arte...chissà che bontà!!! le foto sono stupende!!! un bacione

Pinella ha detto...

Ma grazie a tutte, davvero! vi invito a rifarlo questo dessert, magari seguendo le indicazioni di Maria Antonietta, la strabionda del mio cuore.....

manuela e silvia ha detto...

Davvero molto sofisticato ed elegante!
un bacione

Giuliana ha detto...

ogni volta mi sorprendo, e non dovrei dato che conosco il tuo cuore....

un bacio fatina, e un bacio alla mia bionda preferita..

English robbery ha detto...

Passo spesso di qui,e mi basta leggere o guardare le foto delle tue creazioni per sentirmi appagata dalla voglia di dolce...però,a volte,la smania di provare qualcuna delle tue ricette è tanta che non posso non farlo.Così,ieri pomeriggio,aspettando la lievitazione della pasta per pizza,mi sono data da fare e ho preparato il dolce del tuo post:"il silenzio della domenica pomeriggio"(infatti nessun'altro dolce,ieri,era più indicato)...che dire...nonostante io non sia una cuoca eccellente(tutt'altro),devo dire che è stato gustato e apprezzato....e oggi è più buono di ieri!Grazie,e tanti complimenti.
Pat

ilcucchiaiodoro ha detto...

Ma sono fantastici per davvero!!! Non ho parole sulla tua bravura,i complimenti sono banali!!!

Stef ha detto...

Io non ho parole per commentare le tue OPERE, davvero...

Valeria ha detto...

splendido e sublime questo nuraghe.. quasi quasi mi tira più di quelli veri....

CalicoSabry ha detto...

Ciao Pinella, è veramente bello il tuo blog! E' un piacere leggere la descrizione dei tuoi dessert, si nota la cura e la passione nella scelta di ogni tua creazione...in realtà non sapevo dove lasciare un commento, c'è l'imbarazzo della scelta, poi vedendo tra gli ingredienti le nocciole caramellate e il torrone sardo ho pensato a mio marito, con questo dolce lo conquisto!...se non è troppo difficile :)) Ciao Sabrina

accantoalcamino ha detto...

Ho sentito spesso parlare di te ma, forse per timor riverenziale, non sono mai passata....complimenti, sarai d'ispirazione!

mr ha detto...

Pinella, complimenti sempre per ogni dolce che presenti, davvero!
Vorrei chiederti qual è la consistenza del torrone sardo (ho trovato soltanto quello morbido siciliano alle mandorle, spero vada bene lo stesso)e se bisogna rispettare un momento ben preciso prima di cospargere il briciolame di frutta secca caramellata su uno strato di mousse, o di bavarese, o di cremoso .....perchè temo che a contatto con l'umidità, il caramello possa perdere la sua croccantezza o peggio, possa sciogliersi.
Grazie.

Pinella Orgiana ha detto...

Il torrone sardo è duro, non si taglia facilmente se non con colpi decisi di coltello. Se il briciolame lo incorpori è destino che si sciolga nella crema. Se lo usi come decorazione basta cospargere il dessert pochi minuti prima del servizio.

mr ha detto...

Mi ero confusa, il torrone è di Benevento, ma è comunque tenero! Pensi che possa andare bene lo stesso? Riguardo al briciolame, mi riferivo a quello di nocciole caramellate cosparse tra uno strato e l'altro di questa meravigliosa mousse al torrone, e mi chiedevo se conserverà la sua croccantezza quando il dolce sarà tirato fuori dal freezer e avrà raggiunto la temperatura ideale per essere servito. Grazie e scusami per le tante domande.

Pinella Orgiana ha detto...

Scusami tu...Si lo conserva...