martedì 19 gennaio 2010

Un dolce nato cosi, quasi per caso

No. Devo dire che non era proprio nelle mie intenzioni farlo.
E’ vero che mi ero imbarcata nella preparazione della pasta sfoglia rapida di Michel Roux. Ma ….stranamente e atipicamente direi….la preparazione prendeva fiato  solo ed esclusivamente perchè mi ero perdutamente invaghita di un pie di manzo alla birra ….sempre di Michel Roux….Oltre al nome assolutamente invitante, aveva il pregio ai miei occhi di essere adagiato all’interno di una piccola pirofila da forno sigillata.... quasi a nascondere una meraviglia....da un coperchio di saporita sfoglia.
Come si puo’ resistere ad un tale invito? E devo anche dire che tutte quelle lunghe ore di preparazione sono servite a gustare un piatto cosi delizioso che per un po’ mi sono sorpresa anch’io all’idea che potesse essere uscito dalle mie mani…

piedimanzoallabirra bblog
Un tripudio di sapori. Le verdure, i funghi, la carne tenerissima, il profumo del timo e della maggiorana, la gradevolezza di una birra inglese, la Newcastle brown ale, il gusto di un buon brodo….insomma, un piatto che ti fa scordare che, lì fuori, oltre la porta, oltre le finestre, il persistente color piombo del cielo e ti aiuta a sognare e immaginare che presto si potrà vedere ancora un tiepido sole.

Mentre ritagliavo i coperchi, rigiravo tra le mani quei pochi avanzi di pasta. E quasi inconsapevolmente mi sono ritrovata a compattarli, a dare due mani di lavorazione, a veder stendersi un sottile rettangolo. E’ stato quasi inevitabile andare a cercare quelle cannule di latta cosi a lungo dimenticate in dispensa, a metter su una po’ di crema pasticciera che tanto i limoni in giardino sono cosi belli e cosi profumati che quasi stordiscono.

Sono venuti fuori cosi  i miei 6 cannoncini alla crema. Certo, non di vera pasta sfoglia. Ma comunque, cosi semplici, deliziosi, cosi profumati di limone e croccanti di zucchero che se chiudi un po’ gli occhi ti sembra di tornare bambina, con la scodella di crema pasticciera tra le mani, a sperare che non finisca mai.

Oltre a Michel Roux, un grazie ancora una volta alla maestria di Giovanni Pina con il proposito di rifare subitissimo e per intero la ricetta dei cannoncini  presente nel suo manuale corredata da cosi tanti preziosi suggerimenti.

Cannoncini di sfoglia con crema pasticciera


Ingr:
Pasta sfoglia
Crema pasticciera
Zucchero semolato

Per la crema pasticciera

6 tuorli
125 g di zucchero
40 g di farina
500 g di latte intero
Scorza di limone


Porre il latte sul fuoco senza farlo arrivare all’ebollizione ma solo intorno a circa 80-85°C. Amalgamare i tuorli con lo zucchero senza montarli, aggiungere la farina e l’interno di mezza bacca di vaniglia. Quando il latte è caldo, versarlo sui tuorli e far cuocere la crema finchè comincia ad ispessirsi e si puo’ notare un accenno di ebollizione. Passare la crema al setaccio e versarla in una ciotola. Immergere in un bagno di ghiaccio per farla raffreddare repentinamente.

Intanto, preparare i cannoncini:
Stendere la pasta sfoglia su un piano leggermente infarinato ad un’altezza di pochi mm. Ritagliare delle strisce di circa 1 cm di larghezza ( ..a dire il vero le mie erano piu’ larghe…) e velare la superficie con un po’ d’acqua mediante un pennello. Arrotolare le strisce su dei cannelli di latta con la parte bagnata a contatto del cilindro e sovrapponendo le strisce in modo regolare. Far rotolare la parte esposta alla superficie con zucchero semolato ( ma la prossima volta usero’ lo sciroppo di zucchero consigliato dal maestro Pina…) ed infornare a circa 200°C per una 10-15 minuti con lo sportello del forno ben chiuso. A questo punto aumentare la temperatura per consentire la completa doratura del cannoncino.
Estrarli dal forno. Farli raffreddare e farcirli con la crema pasticciera.

Nota: Devo sperimentare una diversa combinazione di temperature di cottura, per raggiungere quella friabilità che io ho in testa…magari cuocendo a 210°C per 10 minuti in forno statico e aumentando a 250°C per altri 7-8 minuti come scrive il Maestro Pina.

Pasta sfoglia rapida
( da Frolla & Sfoglia di Michel Roux)

500 g di farina
500 g di burro freddissimo
1 cucchiaino di sale*
250 ml di acqua ghiacciata**


Setacciare la farina e fare la fontana sul piano di lavoro. In alternativa, utilizzare la planetaria e la foglia oppure il gancio seguendo tutte le indicazioni. Mettere al centro il burro tagliato a cubetti ed il sale.
*Seguendo le indicazioni del Maestro Giovanni Pina, il sale andrebbe sciolto in pochissima acqua e unito dopo all’impasto in modo da consentirne lo scioglimento omogeneo.
Una volta che l’impasto si presenta grumoso, aggiungere l’acqua un po’ per volta e impastare fino a completo assorbimento.
** La quantità d’acqua dipende dalle caratteristiche della farina. Pertanto, si deve ritenere puramente indicativa.
Non lavorare eccessivamente l’impasto. Avvolgere la pasta in pellicola oppure in buste di plastica per uso alimentare, in carta forno e farla riposare in frigo per non meno di 20 minuti.
Infarinare leggermente la spianatoia, stendere la pasta in un rettangolo di circa 40x20 cm e con uno spessore di circa 2 cm.
Michel Roux esegue 4 giri o “mani” a 3 cioè ripete per 4 volte la piegatura a 3. Ma altri, come il Maestro Giovanni Pina, eseguono 3 mani a 4 oppure 2 mani a 8. In ogni caso, è fondamentale far riposare l’impasto per 30 minuti in frigo tra una mano e l’altra.
Questa pasta puo’ essere conservata in frigo per 3 giorni e per 4 settimane in freezer. Sarebbe preferibile conservarla già stesa a formare dei fogli poi accuratamente ripiegati a cilindro in carta forno. Una volta scongelata in frigo, è consigliabile ridare almeno una mano a 3 oppure a 4 alla pasta prima di procedure alla successiva lavorazione.

15 commenti:

  1. Ciao! sono a dir poco invitanti sembra quasi di poterli toccare da questa foto...assaggiarne uno?? magari!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  2. Meravigliosi e belli!!!
    Ciao, Laura ;)

    RispondiElimina
  3. bellissimi...che voooglia di questi cannoli! stefania

    RispondiElimina
  4. bellissimi... e sicuramente buonissimi!! complimenti...

    eva

    RispondiElimina
  5. Bè il cannolino alla crema nella sua semplicità...fa sempre comunque il suo effetto.
    Ps. di solito non amo i blog con le musichette...ma le tue mi danno un senso di paceeeeeee e poi la musica di Ghost la adoro :-) bacioneeeeeee

    RispondiElimina
  6. ho l'acquolina solo a guardare!

    RispondiElimina
  7. Che golosi! Pensa che proprio stamattina ne ho mangiato uno buonissimo e stavo proprio pensando a come riprodurlo in casa... Telepatia?!? Grazie per questa bella ricetta!

    RispondiElimina
  8. Un modo molto carino di utilizzare i resti di pasta sfoglia... e che pasta sfoglia!!! Grazie per la ricetta e per tutte le preziose indicazioni che fornisci: brava!
    Buona giornata e a presto
    Sabrine

    RispondiElimina
  9. Bellissimi e direi anche molto invitanti,complimenti per la sfoglia ottima.

    RispondiElimina
  10. ciao...ma sei bravissimaaaaa!!!...mi sono segnata tra i tuoi ostenitori!...io ho aperto da poco un blog e mi farebbe piacere se mi sostenessi e se mi commentassi...lascia critiche...opinioni...consigli...sono graditi anche cmplimenti!! :O) ehhe...lasciami un saluto!! ti aspetto!! un bacio...il blog è www.spadelliamo.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. Mamma mia Pinella ogni volta che passo da te rimango mezz'ora con la bocca spalancata....
    Sei davvero perfetta come poche..
    Complimenti!

    RispondiElimina
  12. Devono essere veramente buoni. Buona Domenica da Tuorlo

    RispondiElimina
  13. Altro che per caso! Devono essere una bontà! BRAVA!
    Se vuoi sbirciare il mio blog...sei la benvenuta!
    http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/

    RispondiElimina
  14. Sono perfettiiiii, devono essere sicuramenti ottimi!
    Complimenti anche per le foto!
    Buona giornata, un abbraccio!

    RispondiElimina