sabato 12 dicembre 2009

Un dolce per i piu’ piccoli

Stamattina, aprendo il mio blog, per qualche strano ed improvviso circuito mentale, ho pensato che nella vita di tutti i giorni i dolci che dovremmo imbastire piu’ di sovente dovrebbero essere quelli per la colazione del mattino . Magari anche per una piccolissima merenda della sera.
Quelli del mattino ...perchè cosi dovremmo avere un motivo in piu’ per alzarci con un po’ di sprint e buon umore.
E quelli della mezza sera…giusto un piccolo boccone per gratificarci per tutta la giornata trascorsa che magari inizia a quell’ora a far sentire i suoi effetti.
In particolare, dimentico spesso che moltissime case sono illuminate da bimbi che trafficano, che chiedono, che desiderano….C
Che desiderano? ...credo un che di fantasia in piu’, cose inaspettate, differenti dal “normale” che si riesce a mettere sul tavolo. Ed è già moltissimo quel normale….ma, per fortuna, loro ancora non lo sanno.
I bimbi delle mie amiche si sono scatenati su questa torta zebra. Una normalissima torta. Che se fosse stata fatta senza le righe…sono certa sarebbe stata sbocconcellata di traverso lasciando innumerevoli briciole sul tavolo della colazione. Ed invece…le righe…potenza delle righe.Se poi si aggiunge il nome..zebra…non c’e’ piu’ storia. Andrà a ruba sicuramente.


La ricetta venne lanciata su Coquinaria tanti anni fa. Credo dalla Marcela. Ne fece una variante simpaticissima, la grande Maria Letizia e uno rosa e scuro la mia bionda preferita, Maria Antonietta. La mia classicissima versione va bene per cominciare, poi la fantasia…la vostra fantasia…. farà del suo meglio……


Torta zebra

Per una forma di 24 cm di diametro (e almeno 6 cm di alto)
6 chiare
150 g zucchero
6 tuorli
150 g zucchero
125 ml acqua fredda
375 g farina 00
una bustina di lievito chimico (oppure 3 cucchiaini di lievito + 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio)
125 ml olio neutro ( meglio olio di riso)
2 cucchiai di cacao

Montare le chiare con lo zucchero fino a quando diventano ben ferme. Intanto, fare altrettanto con i tuorli, lo zucchero e l’acqua fino ad ottenere una schiuma soffice e chiara. Aggiungere la farina setacciata con il lievito e a filo l'olio. Finalmente si incorporano delicatamente le chiare montate.
Si divide l'impasto in due. Si colora una metà con il cacao setacciato.
Ora per l'effetto zebra, nella forma foderata con carta, si versano nel centro successivamente i cucchiai di impasto di uno e l’altro colore, uno sopra l'altro. Si formano man mano che avanzate degli anelli concentrici. Si continua così fino a quando si finisce con entrambi impasti...
Forno moderato 180°, 50 minuti.

23 commenti:

BARBARA ha detto...

Eccezzionale la tua torta zebra...me ne sono innamorata anche se non sono juventina! Scherzi a parte, mi sa che la proporrò presto ai miei bimbi...effetto assicurato!

Marcela ha detto...

Oh, la torta zebra! La tecnica l'avevo trovato sul sito di una rivista tedesca. Si vede che qualcosa tirava già da queste parti. :D
Un bacio e buon finesettimana!

Pinella ha detto...

Ho idea di si, Marcelita!! ricordi il clamore quando la mettesti su Coquinaria??

Federica ha detto...

fenomenale! bravissima!

Sofy ha detto...

Che bella torta pinella...poi con le tue spiegazioni è ancora meglio!Complimenti per il tuo fantastico blog che è un vero e proprio punto di riferimento per i dolci!

dauly ha detto...

si,la torta zebrata pur essendo di semplice preparazione ha sempre il suo effetto sui bimbi...comunque,per la cronaca,io fino a dopo natale non posso frequentare il tuo blog,sei un attentato alla mia golosità!!!!

Pinella ha detto...

Ma no, Dauly....pensaci a gennaio!!!!

dEleciouSly ha detto...

E' davvero un dolce intramontabile, questo... piace terribilmente anche a me che ormai ho bellamente superato la fase 'infantile'! Il tuo risultato, poi, è semplicemente perfetto!

Un bacio e buona settimana!

Ele :)

Barbara ha detto...

Veramente bello questo dolce! L'alternanza dei colori mette allegria già dal mattino! Un abbraccio!

giowall ha detto...

E' un'idea fantastica per la torta sottovuoto: domani mi arrivano i vasetti dalla Germania e voglio provare subito la tua ricetta!
Grazie!!!
Valeria

angicock ha detto...

Ecco l'idea che mi mancava per i piccoli. I nostri dolci natalizi sono cosparsi di miele e riduzione di fichi difficile, per i piccoli, mangiarli senza sporcarsi o resistere alla tentazione di appiccicare le manine ovunque. Questo e' proprio l'ideale
Grazie
Baci

kemikonti ha detto...

Che dolce tentazione!
Che idea meravigliosa!
Sono veramente colpita del procedimento, non lo conoscevo proprio! Da provare assolutamente.
un saluto
Kemi

mari_angela ha detto...

Bella e buona :)

Francesca ha detto...

Ciao,sono capitata per caso nel tuo blog:ho provato subito la ricetta di questa torta e l'ho pubblicata nel mio spazio.BUONISSIMA!!!Devo migliorare l'aspetto pero',ehmm....
Grazie.

Francesca ha detto...

Sono capitata per caso nel tuo blog:ho provato subito la tua ricetta e l'ho postata nel mio spazio personale.BUONISSIMA!!Devo pero' migliorare l'aspetto.
Ciao e grazie.

Pinella ha detto...

Come sempre, è un vero piacere leggervi. Troppo lavoro in questi ultimi giorni. Ma credo che se tutto sarà ok, vi dedichero' un po' piu' di tempo. E sarà una vera gioia per me.
A presto....

picetto ha detto...

Pinella, che bella questa torta, anche semplice da fare per me che non sono certo alla tua altezza. Grazie per essere presente con le tue innumerevoli ricette, peccato che non possiamo assaggiarle tutte contemporaneamente, un saluto affettuoso
M.G.

elzeminmutfagi ha detto...

Wowww.

MarinaV ha detto...

Buonissima la torta zebra, l'ho fatta tante volte ed è sempre stata un successo. Altre volte ho semplicemente usato l'impasto in bianco perché è molto, molto soffice.

lucia ha detto...

bella e buona come sempre. Anche se a me piace anche solo leggere la "poesia" delle tue ricette. Spesso mi chiedo che volto tu abbia, chi ha la fortuna di viverti accanto e che profumo ci sia nella tua casa! Un saluto affettuoso

Crusaneta ha detto...

Ciao Pinella complimentissimi per il tuo blog. L'ho trovato grazie a delle segnalazioni di alcune ragazze con cui mi confrontavo proppio per riuscire a fare questa torta. VOlevo chiederti se hai idea del motivo per il quale la parte al cacao mi scende facendo si che il disegno zebrato non riesca. Mi vengono fuori solo delle sottilissime righettine marroni ma ne anche in tutta la lunghezza della fetta, e la parte bianca in alto con la parte al cacao in basso. Può essere che sia colpa del mio forno? Ieri mi sono accorta che forse ha il termostato interno malfunzionante, per esempio, quando lo imposto perche vada a 200 con "l'aceleratore" dopo poco suona il campanellino che mi dice che è arrivato a 200 ma quando faccio la prova in realtà è solo a 150, quindi io penso che il problema sia che il cacao fa in tempo a scendere prima che parta la lievitazione visto che ci mette minimo 20 minuti quest'ultima.

Altri problemi non saprei quali potrebbero essere...che dici?

Grazie mille :)

Pinella ha detto...

Avevo esattamente anch'io il tuo problema del forno. Ho risolto acquistanto un termometro da forno per pochi euro e adesso controllo esattamente la temperatura.

Per la torta, occorre mettere proprio un cucchaio di impasto sopra l'altro. Esattamente sopra. A te sembreà un gran pastrocchio pero' dopo si formano i cerchi.
Fammi sapere.

picetto ha detto...

Cara Pinella, qualche giorno fa ho fatto questa torta seguendo dettagliatamente la tua ricetta. E' venuta benissimo, è molto soffice, bella e buona. Grazie per tutte le tue preziose ricette. Un saluto affettuoso
Maria Grazia