venerdì 2 ottobre 2009

Biscotti al gianduia

Tanto tempo è passato da quando la prof.ssa Falchi , in 1°media, venne in classe e ci parlò su come fosse importante avere un ricettario.
Un ricettario? Cosa era mai un ricettario?
Al mio paese, un pugno di case abbandonate in mezzo alla campagna, la parola sembrava non esistere. Forse perchè non esistevano ricette. Esistevano piatti da preparare, sughi da far borbottare, agnelli e capretti e maialini da arrostire, pernici da farcire, minestroni da far fremere per ore e tanto, tanto altro ancora. Ma cosi si cucinava da sempre, in tutte la case e dosi non ce n’erano. Neppure per i dolci.Con i tuorli si facevano fragranti ciambelle e struggenti piricchittus. E con gli albumi si iniettava la vita a dolcissime meringhe e a commoventi amaretti.
Il massimo dell’avere la ricetta consisteva nello scrivere gli ingredienti su un pezzo di carta strappata da un quaderno oppure sulla carta marroncina del pane.E la ricetta ….se cosi si puo’ chiamare…..veniva infilata all’interno del doppio vetro della credenza. E li rimaneva quasi per sempre.
Un ricettario? Si, proprio un grosso quaderno comprato in città, a quadretti piccoli, rivestito di tela ( la mia era rossa…) con la scritta “ Ricettario” ricamata dalle nostre mani. E i capitoli? Antipasti, primi piatti, secondi, contorni e…..dolci.
Iniziammo con i dolci. La prof.ssa dettava la ricetta in un modo cosi intenso che ci sembrava già di gustare il dolce finito. E poi, giu’ a farlo il dolce, in classe. sui banchi di legno con i calamai in mezzo.
Nacquero in tal modo la torta marmorizzata, il calcestruzzo, il dolce mattone.Nacque e divampò cosi la mia passione.
Fu da allora che cominciai a ritagliare le ricette e ad incollarle su grossi quadernoni. Divennero cosi tanti e zeppi di ogni ricetta possibile che….quando realizzai e fui certa che non sarei potuta vivere 1000 anni per provarle tutte ,finii per regalarli .Tutti tranne uno.
Il mio vecchio ricettario? L’ho perso.Ma la prof.ssa Falchi , i suoi occhi, i suoi capelli, i suoi occhiali calati sul naso, la sua pelle velata di cipria, la sua bocca che parlava di zucchero e farina, di burro e panna, lei, la prof.ssa Falchi, no! non l’ho scordata mai.
Biscotti al gianduia
(da una ricetta di Anneliese Kompatscher)
Biscotti alle nocciole treblog

Biscotti alle nocciole treblog








Per la pasta:
250 gr di farina, 1/2 cucchiaino raso di lievito, 150 gr di nocciole tostate e macinate, 75 gr di zucchero, 1 bustina di zucchero vanigliato, 1 uovo, 200 gr di burro.
Per il ripieno: alcuni cucchiai di crema gianduia
Per guarnire: 150 gr di cioccolato.

Impastare lo zucchero con il burro morbido. Aggiungere lo zucchero vanigliato e l’uovo intero. Setacciare la farina con il lievito, unire anche quella di nocciole. Impastare velocemente fino ad ottenere una pasta liscia da mettere al fresco per due ore. Stendere in una sfoglia sottile e ritagliare in quadrati. Disporli sulla placca rivestita di carta forno e cuocerli a 180°C per circa 15 minuti.. Quando i biscotti si saranno raffreddati unirli in coppia, farcendoli di crema al gianduia, quindi intingere un angolo nel cioccolato sciolto a bagnomaria e poi temperato.
Biscotti alle nocciole due coq
Suggerimento: Al market è in vendita una glassa al cioccolato in confezioni rettangolari che vanno immerse nell’acqua calda in modo da far sciogliere il contenuto. Ottima glassa! In aggiunta, consente di rivestire i biscotti solo di un sottile velo di copertura e di ottenerli brillantissimi!

21 commenti:

dolci chiacchiere ha detto...

ho una ricetta sinmile e devo dire che sono buonissimi...ciao katia

Sofy ha detto...

il tuo racconto è meraviglioso...vorrei aver avuto una maestra così anche io...buonissimi e bellissimi come sempre i tuoi biscotti!!!

marifra79 ha detto...

Che dolce e pieno d'affetto è il tuo post! Mi spiace per il ricettario perso...
è vero prima era difficile avernlo, a casa mia nè mia nonna e nè mia madre ne ha mai posseduto uno!Ti farò ridere ma loro preparavano il ciambellone dosando gli ingredienti con i pugnetti!!!!
Devono essere buoni questi biscotti!!!
A presto un abraccio!

Federica ha detto...

favolosi!! le foto sono bellissime!

Lauretta and Mary ha detto...

I biscotti sono bellissimi, la presentazione come sempre perfetta.......ti è mai venuta la voglia o il pensiero di scriverlo un ricettario? Ora intendo, con tutte queste belle parentesi di vita tra una ricetta e l'altra.... e poi pubblicarlo...
già penso alle persone a cui potrei regalarlo....volo troppo di fantasia??? Vabbè...baci e buon we.

Marika ha detto...

mmm che golosità!!davvero ottimi e complimenti per le foto e la post-produzione buon fine settimana

Valeria ha detto...

mi sa che la prof.ssa Falchi è riuscita nel suo intento...adesso è la prof.ssa Pinella a parlare di zucchero e farina, di burro e panna e a lasciare tutti a bocca aperta..

Ylenia ha detto...

Ehh nooo Pinellaaa così non valeeeeeeeeeee
Ne voglio uno..no anzi due tre quattrooo!!!
Ottimi...qusi superlativi! Complimentissssimi ^-^

fiorix ha detto...

bellissima la storia del ricettario!e altrettanto buonissimi questi biscotti!baci

iana ha detto...

Devono essere state fantastiche le tue scuole medie! Fai dei biscotti favolosi!

kemikonti ha detto...

Semplicemente meravigliosi!
Per caso hai la ricetta di biscotti tipo oswego?
Un saluto
Kemi

Chiara ha detto...

bellissimo il tuo racconto!
un ricettario!che bello!e la prof che dettava la ricetta:)
e il tuo vecchio ricettario, chissà dove sarà finito?
i biscotti sono favolosi!!!sembra di sentirne il profumo!
li devo fare al più presto per regalare pause di infinita bontà!
graziee!

Marcello Valentino ha detto...

Ogni volta che passo da qui è sempre un gran belvedere...
Complimenti Pinella...per la smisurata passione che trasmetti nelle tue preparazioni...
A presto..

dauly ha detto...

o mamma!!!!
che perfezione..sono una meraviglia!!

Vicky ha detto...

..sempre belle le tue creazioni, dalle torte elaborate ai biscottini!! Ah, visto che è nato ti lascio l'indirizzo del mio nuovo blog, nel caso ti andasse di farci un giro.. http://lapasticcioneria.blogspot.com Grazie per l'ispirazione che mi dai!!

Pinella ha detto...

Il mio ricettario? Ricordo che lo tenevo custodito con gran cura. Poi, i traslochi in città...chissà che successe....Quando ci penso è come avessi perduto un tesoro di monili d'oro.....

Kem: Oswego. E' difficilissimo rifarli perchè da qualche parte ho letto che proprio la lavorazione e la stesura di biscotti è possibile grazie alle procedure industiali.

Marcello: le tue parole sono per me bellissime. Grazie chef!

Gunther ha detto...

complimneti per la selezione e la realizzazione è fantastica

paolaotto ha detto...

Mi piacciono molto questi biscotti, brava, come sempre, bravissima...ma tanto mi è piaciuto anche il tuo racconto così pieno d'emozione e di ricordi...grazie di tutto..Paola

Albertone ha detto...

I biscotti sono certo buonissimi, ma la tua storia mi ha catturato.
Quando ricordi la tua prof., mi sembrava di rivedere quel film, Il marito della parrucchiera...
E poi il ricettario...
Bellissimo come sempre passare per il tuo blog.
Alberto

Lidia ha detto...

le tue ricette sono una garanzia e poi le sai introdurre in un modo particolare che fa rivivere anche a me antichi sapori e affetti... ho una domanda proprio banale ma domani voglio farli per cui: di che peso è la busta di zucchero vanigliato? sai, non l'ho mai comprato... grazie e sempre complimenti.

Pinella ha detto...

Non ho trovato le bustine l'ultima volta. Ho rimediato con un cucchiaio di zucchero vanigliato fatto da me.