lunedì 23 marzo 2009

Parigi

Parigi.
Un'amica che ha messo radici nel mio cuore mi dice, stasera, che respirerà l'umore di Parigi, tra poco. E ....come dire?


Ero seduta ad un angolo, in un piccolissimo tavolino a due, al primo piano di un ristorante, a due passi dalla Madeleine. Era tardi ma il sole non era ancora tramontato. Si vedeva un cielo diverso e l'ho guardato con nostalgia, sapendo già che sarebbe stato difficile rivederlo, almeno rivederlo presto.

Parigi. Una condizione dell'anima.

Aspettami. Prima o poi, prima o poi mi rivedrai.

10 commenti:

  1. ... come capisco :)
    Ma e' Battiato che canta la canzone di Becaud ?
    Ciao,
    Federica

    RispondiElimina
  2. Eh, si. battiato. La rende benissimo, non credi?

    RispondiElimina
  3. Mamma mia, che magone mi hai fatto venire...quando si lascia Parigi se ne conserva sempre un pezzetto dentro di sé!

    RispondiElimina
  4. sono innamorata di Paris!!!
    magica e affascinante signora!

    RispondiElimina
  5. Io e il fidanzato andiamo a Parigi ogni anno da 7 anni,anche se magari per pochi giorni, non riesco proprio a farne a meno, ne siamo completamente innamorati!!L'atmosfera, le persone, il cielo, il cibo non c'è nulla di paragonabile,mi è entrata nel cuore e non ne esce più!!bellissime queste foto!!

    RispondiElimina
  6. ciao Pinella, ti devo ringraziare continuamente, perchè quando eseguo una tua ricetta è sempre un succcessone. Ho fatto una torta di compleanno così fatta: base biscotto mandorle, bavarese cioccolato bianco, inserto cremoso di pesche. Decorato con gelatina neutra, meringhe e un po' di fiori.
    Grazie!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Cara Pinella,lascio qui una mia richiesta visto che non ho altro indirizzo per comunicare con te.
    Un ristorante della mia zona mi ha richiesto per Pasqua un dolce da metter nel menu che sia diverso da quelli presenti nella loro cart (molto semplici e direi scontati), ho incominciato una ricera tra i miei libri e la mia mente, poi mi sei venuta in mente tu....ti va di aiutarmi a stupire?

    RispondiElimina
  8. Joe, mi va sicuro. Solo che lunedi parto e torno il prossimo . Ce la si fa? Intanto stasera ti posto su una cosa fatta con la mousse al cioccolato del precedente post...

    RispondiElimina
  9. credo di si, in tanto ti invito a vistare il mio blog.
    Sono sicuro che riusciremo a fare cosa buona e giusta, ahahahah!
    Il ristorante non utensili specifici per la pasticceria quindi dovrò inventarmi (come al solito) il procedimento giusto con quello che riesco a trovare.
    Serve qualcosa di semplice, buono ma di effetto!! Sono sicuamente in buone mani.
    Se vuoi vedere il ristorante...posso mandarti il link.

    RispondiElimina