lunedì 2 febbraio 2009

Verrine Brandy Alexander

Siamo a febbraio. Un mese particolare, ricco di cose. E non posso aspettare domani, non posso assolutissimamente.
E' tardi, lo so. Me ne rendero' conto meglio domattina.
Ho appena scritto dei biscotti, so anche questo.
Ma ho un dessert tra le mani, nuovo di zecca, nato con impeto, regalato con amore. Tutte le caratteristiche giuste per dare inizio al nuovo mese.

Ha un nome francese e si sa che io per Parigi ho una passione sconfinata. Per tutto cio' che è francese, direi....
Vogliamo chiudere a chiave questa umida notte ? Con qualcosa che ci faccia sognare che domani possa essere una giornata meravigliosa?

Verrine Brandy Alexander pour tout le monde, alors.....

Bonne nuit....

Ci sono. Ci sono. Stanca ma ci sono.

Verrine Brandy Alexandre
(estrapolato da Verrines et Petits Gateaux di S.Glacier-G.Paris)


Per il crumble

180 gr di burro
110 gr di zucchero
220 gr di farina

In planetaria, con la foglia amalgamare il burro e lo zucchero, aggiungere la farina e fare un impasto sodo e omogeneo. far riposare in frigo per alcune ore, quindi "grattugiarlo" e deporlo su una placca da forno. cuocere a 180°C per circa 15'.

Per il cremoso al cioccolato

180 gr di latte
120 gr di panna
50 gr di tuorli
50 gr di zucchero
120 gr di cioccolato al 65%
50 gr di cioccolato al latte

Far bollire il latte e la panna. Far liquefare i due tipi di cioccolato. Amalgamare i tuorli con lo zucchero, aggiungere il liquido caldo e portare a 82°C. Versare sul cioccolato e amalgamare con delicatezza.

Per il cremoso al Cognac

120 gr di crema pasticciera*
12 gr di Cognac
300 gr di panna montata

Montare con le fruste la crema pasticciera, aggiungere il Cognac. Ultimare con la panna montata fino ad ottenere un composto spumoso e soffice.

*Per la crema pasticciera:
250 gr di latte intero
50 gr di tuorli
60 gr di zucchero
20 gr di amido di mais
vaniglia in bacche

Scaldare il latte con la metà dello zucchero, l'interno di un pezzo di vaniglia in bacche. Montare i tuorli con lo zucchero restante e aggiungere l'amido di mais.Quando il latte ha raggiunto l'ebollizione, eliminare la vaniglia e versarlo sui tuorli. Riportare all'ebollizione e completare la cottura della crema
Preparazione:
Deporre il crumble sul fondo dei bicchieri. Stratificare il cremoso al cioccolato, far freddare e deporre ancora del crumble. Introdurre il cremoso al Cognac in una sac à poche con beccuccio a stella e deporreuna ciuffo sul cremoso.Decorare con cacao in polvere e stecche sottili di cioccolato fondente.

13 commenti:

  1. ehi...ma non ci dici com'è fatto? sembra buonissimo!!
    bacioni

    RispondiElimina
  2. Ciao Pinella! scusa se invado questo tuo spazio con un messaggio personale, FB stamane non mi funziona. Dove sono finita?! Alla ricerca dell1"Identità Golosa" :-D
    A presto con tutte le golosissime notizie dal congresso!

    RispondiElimina
  3. Stupendi!!
    Attendo con ansia ricettina..mousse e quant'altro.
    ciao

    RispondiElimina
  4. uffaaaaaaaaaaaaaa...voglio la ricettaaaaaaaaaa!!! Hi hi hi!!

    RispondiElimina
  5. Datemi un paio d'ore e vi scrivo tutto.

    Giulia: raccontami tutto di Milano. Ci sarei dovuta essere anch'io....

    RispondiElimina
  6. Maestra ho perso una settimana dei tuoi dolci....sai che astinenza ho ????
    Sono tornata giusto in tempo questo mi gusta molto !!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao, baby..dove sei? che fai? ma quando torni??????

    RispondiElimina
  8. Queste verrine sono splendide! Ho comprato quel libro anche io nella bellissima Librairie Gourmande in quel di Paris...e non mi sono pentita della pur consistente spesa! Le tue spiegazioni sono chiarissime come sempre... Anna

    RispondiElimina
  9. miam..questo si che èun dessert...!

    RispondiElimina
  10. Pinella, non mi conosci, sono una delle tante e dei tanti che quotidianamente si affacciano per afferrare i dolci che fai volare dal tuo balcone. Sono arrivata qui seguendo profumo di savoiardi e sono stata catturata dal tuo modo di scrivere e di vivere la pasticceria. Ho fatto così tante delle ricette che metti che nemmeno le ricordo...margherite di Stresa, ciambelle, le tue sablée, bavaresi al cioccolato, al limone, allo zabaione, mousse, biscuit, bicchierini, torte. Ed ho un sospiro per ciascuna di queste cose. Volevo solo fartelo sapere, e pregarti di continuare così. Farò anche questo dessert, appena possibile. Per ora, grazie e complimenti.

    ps: grazie a te e alla tua opera di divulgazione a Natale ho anche ricevuto pH10!

    RispondiElimina
  11. Grazie delle splendide parole, Glenda! Spero di farne di deliziosi e buoni , specialmente buoni.Non sempre ci si riesce.Io mi impegnero' per non deluderti e deludervi.Ma con molta serenità e piacere!

    RispondiElimina