sabato 15 marzo 2008

Tiramisushi....?.....

L'idea è bellissima. Ne ha parlato Coral solo ieri e mi sono fiondata a farlo....Il dolce originale è stato visto qui, ma è estrapolato dal libro Demolition Desserts . E già il titolo è un programma, mi pare.

Torno a casa, ma....non ho mascarpone. Cavoli, che faccio?
Mi viene in aiuto Santin con la sua mousse al cioccolato bianco. La trasformo un po'...non è mica un demolition dessert?!?
Questo dolce mi è servito anche perchè mi ha fatto venire una buona idea. Ve ne parlero' assolutamente.

Per il biscotto

140 g di farina
56 g di cacao in polvere
½ cucchiaino di lievito
6 uova grandi (oppure 7 medie)
200 g di zucchero
Un pizzico di sale
56 g di burro

Portare il forno a 175-180°C
Setacciare la farina con il cacao ed il lievito. Far ammorbidire il burro. Versare le uova in una ciotola, aggiungere lo zucchero e montarle su un bagno maria caldo fino a raggiungere la temperatura di 50°C. Travasare la crema nella ciotola della planetaria e proseguire la lavorazione ad alta velocità fino a triplicare il volume e rendere fredda la montata. Versare le polveri senza smontare il composto. Aggiungere una cucchiaiata di crema al burro, lavorarlo bene e versarlo sulla crema. Mescolare con attenzione. Foderare una teglia con carta forno. Le dimensioni sono di 40x60 oppure due teglie da 22x33 cm. Far cuocere finché il biscotto è elastico al tatto ma non troppo cotto. Lasciar freddare, poi rovesciare il biscotto su altra carta forno spolverizzata di zucchero al velo.
Mousse di cioccolato bianco al Marsala

330 g di cioccolato bianco
150 g di panna fresca liquida
300 g di panna montata
4 g di gelatina
mezza tazzina di Marsala
Sciogliere il cioccolato bianco a bagnomaria senza superare i 45°C. Mettere in ammollo in acqua fredda la gelatina. Far scaldare la panna e unire la colla di pesce sciolta nella tazzina del Marsala. Unire i due composti e portare a circa 30°C. Aggiungere la panna semi-montata.

Composizione

Servendosi di un foglio di acetato fare un cilindro, incollarlo sul lato con del nastro adesivo e chiuderlo con pellicola e nastro ad una estremità. Versare la crema a cucchiaiate. Sigillare l’altra estremità e riporre in congelatore. Rifilare il biscotto e ottenerne delle strisce di larghezza adatta ad accogliere il cilindro di crema. Tagliare il cilindro alla lunghezza voluta e deporlo sulla striscia di biscotto facendo aderire i due lati ma senza sovrapporli. Rivestire il salsicciotto con della pellicola e riporre in congelatore per un’oretta. Al momento di servire, togliere la pellicola, rifilare i bordi e tagliare il cilindro in tanti pezzi più piccoli. Passare il dolce sullo zucchero vanigliato e servire.

La novità!
Ho scoperto che facendo questi rulli in acetato posso ottenere dei cilindri di bavaresi, mousses ecc che sono carine da presentare.Insomma...ho qualche idea che mi frulla per la testa.Vediamo dove mi porta!

16 commenti:

  1. Gnam ....meno uno, me lo sono pappato io al volo !!!!!
    Mhhh bono, quasi quasi me ne prendo un altro !!!!

    Maestra, quella scatolina mi pare di conoscerla ..... oh sai che da quella volta cerco disperatamente i tappetini per poterle fare e non riesco più a trovarli ????

    RispondiElimina
  2. Pensavo giusto a te, stamattina, quando cercavo la scatolina!!!! Che bella quella serata ....

    RispondiElimina
  3. Ma dai che belli!

    Sai Pinella, ieri sera ho preparato la frolla di Santin, ed è in frigorifero che mi aspetta per preparare i biscotti ripieni di crema con la ricetta che hai postato per StefaniaDE (un saluto anche a lei!).....non vedo l'ora di assaggiarli!

    Domanda: quando preparerai per noi ses casadinas con foto? Me le ha insegnate a spanne la zia di mia mamma ma vorrei vedere ance le tue...

    Grazie,
    Barbara

    RispondiElimina
  4. Ma che bella idea!
    Ho giusto un centinaio di fogli di acetato che giaciono in attesa di loro utilizzazione!

    RispondiElimina
  5. Io l'acetato non lo trovo da nessuna parte....peccato!
    Bellissima idea sei proprio una fatina!

    RispondiElimina
  6. Michela, prova in cartoleria.....

    RispondiElimina
  7. Provato ma i buzzurri qui intorno mi rispondono eeeeeeeeeeee? Devo andare a Mestre, o quando capiterà proverò a Treviso, non ci vado spesso, per cui...farò la scorta.

    RispondiElimina
  8. Hai il tocco magico, che io ancora non mi sento, le tue dolcezze sono splendide, ma mi frustano un pò,perchè mi sento doppiamente imbranata.Bravissima,ti saluto.

    RispondiElimina
  9. Carinissimi e sicuramente golosi. Da provare senz'altro, grazie mille per la bella idea :)

    RispondiElimina
  10. Pinella, questo dolce è proprio splendido !!!!
    Baci Laura De Vincentis
    Ps. ti ho linkata al mio "neonato" blog

    RispondiElimina
  11. é davverp un'idea carina questa dei tiramisushi!!

    RispondiElimina
  12. ciao è grazie a un post di LauraPL sul forum della cucina italiana conosco il tuo blog e sono senza parole :-)

    tutto bello e sicuramente buono e con tante idee divertenti e direi da copiare :-)
    questa per esempio la faccio subito vedere a mia madre (contitolare del blog) e vedrai che ci mettiamo all'opera!

    RispondiElimina
  13. che bella idea Pinus, bellissima ricetta, io poi che adoro il sushi, la proprorro ad un mio amico amante del tiramisu', grazie mille.

    RispondiElimina
  14. Marzia cara, sono felice che possa esserti fonte di ispirazione per un buonissimo dessert...In effetti, si puo' interpretare in tanti modi diversi e assolutamente golosi! Baci alla splendida Bea!

    RispondiElimina
  15. ciao PInella! complimenti, che trovata originale! io sono un appassionato di cupcake e anche a me piace trovare modi nuovi ed insoliti di proporre queste delizie in miniatura! buona estate, Francesco

    RispondiElimina