domenica 24 febbraio 2008

A volte, avanza un po' di crema....


Ho in corso un dessert al limone per una dolce e amatissima signora. Che al momento di scegliere il gusto, non puo' che preferire questo, il limone. E allora! giu' di corsa nel piccolo giardino, palparne alcuni e poi cogliere quelli con la scorza piu' generosa, piu' profumata. Il latte fresco, intero, caldo, accoglie i nastri gialli e ne estrare tutto il profumo. Quasi inebriante al gusto.

succede che poi residua qualche cucchiaiata di crema, due cucchiaini di cremeux alle pesche e...un mini-dessert prende vita all'istante.

Dov'era finito quel triangolino di cioccolato bianco avanzato dalla decorazione di...Eccolo! Un piccolissimo pugno di feuillettine e....voilà!


Vi anticipo la ricetta:

Cremoso di pesche
(da P.Torreblanca)

400 gr di purea di pesche sciroppate
80 gr di zucchero
16 gr di pectina
4 gr di succo di limone

La purea di pesche si ottiene passando le pesche al mixer con un po’ di sciroppo di conservazione. Quindi, aggiungere zucchero e pectina (io ho usato quella per fare le marmellate in mancanza della pectina vera e propria) a freddo e portare sul fuoco. Al primo accenno di bollore , togliere dal fornello, versare il succo di limone .
Deporre sul fondo di un piccolo bicchiere o una piccola flute tre-quattro cucchiaini di cremoso. Far freddare in frigo.
Bavarese al limone

300 gr panna semimontata
250 gr latte
80 gr zucchero
6 gr colla di pesce
4 tuorli
scorza di due limoni appena colti *

Intiepidire il latte con la scorza di un limone e lasciatela in infusione per almeno un’ora. Mettere in ammollo la colla di pesce.
Montare leggermente i tuorli con lo zucchero, versarvi a filo il latte e rimettere sul fuoco a fiamma bassa mescolando con un cucchiaio cercando di disegnare un 8. Appena raggiunge la temperatura di 82°C, la crema inglese è pronta.Eliminare la scorza del limone. Strizzare la gelatina, unirla alla crema e farla sciogliere completamente. Passare la crema al setaccio e far abbassare la temperatura fino a circa 35°C.I. Incorporare delicatamente la panna in modo da avere un composto perfettamente omogeneo.
* se si vuole un gusto piu' accentuato, grattugiare la scorza del secondo limone e aggiungerla alla crema
Versare alcune cucchiaiate di crema sul cremoso e riporre in frigo.
Decorare secondo fantasia e...quello che si ha in dispensa!

5 commenti:

  1. Sarà sicuramente buonissima, ma che fine fa uno dei 2 limoni?

    RispondiElimina
  2. Io con i limoni nella crema vado a sentimento. Se il limone è freschissimo, spesso ne basta uno a dare il gusto, altrimenti esalto il sapore grattugiando il secondo limone e lasciandolo nella crema, senza toglierlo.

    RispondiElimina
  3. Ma insomma...quando ti leggo penso alla nobiltà della "cucina degli avanzi"(messo tra virgolette perchè i tuoi non sembrano avanzi)d'altronde che fatina saresti se non trasformassi dei piccoli ranocchietti in magnifici dolci regali?sei veramente un genio!!ti ammiro tantissimo!

    RispondiElimina
  4. Mi piace da matti pensarmi qualcosa al momento....

    RispondiElimina